ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 8 aprile 2013

LAROXYL E POMPAGGIO FORZATO DELL'UMORE (E UN TOCCO DI RISPERDARL, CHE NON GUASTA MAI).


La mia personale esperienza con gli psicofarmaci mi ha portato a riflettere a lungo sugli effetti destabilizzanti che sono in grado di innescare.
Ho iniziato il mio percorso con un primo tentato suicidio (meditato per mesi).
Incontro quindi il magico mondo degli antipsicotici (Risperdal) che, nel giro di poco, mi hanno portato ad uno spegnimento fisico e psichico che sembrava divorarmi. Ricordo ancora la fatica mentale nel dover parlare, pensare, leggere anche solo un semplice sms e, al contempo, la frustrazione nel percepire lo stato di totale abbandono ed appassimento in cui versavo.
Un paio di mesi e sono passato agli antidepressivi. Con questi (Laroxyl), ho ripreso gradualmente vigore, spirito di iniziativa, freschezza mentale e voglia di fare.
Ma in tutto questo notavo qualcosa di artificioso, di forzato. Ogni tanto mi accorgevo infatti di compiere delle azioni con eccessiva allegria e spensieratezza, quindi mi fermavo e mi dicevo: "Cretino, che cavolo hai da ridere, che sei invece un groviglio di infelicità?".
I miei problemi di fondo non trovavano soluzione e, nel frattempo, questa sensazione di pompaggio forzato dell'umore mi irritava e il percepire di non essere totalmente padrone del mio stato emotivo mi mandava ulteriormente via di testa.
Provai a sospendere di colpo la terapia. Mi vengono i brividi al sol pensiero: nel giro di 2 giorni mi trovai in uno stato di disperazione e malessere psicofisico che avrei ingerito all'istante una granata pur di esplodere e porvi fine.

-- MAI, e dico MAI, prendere decisioni sulla propria terapia senza aver consultato chi ci segue.

Nel frattempo, con rinnovata e lucidissima razionalità, avevo ripreso a pianificare il secondo tentativo di suicidio.
La sera prestabilita sono serenamente uscito con un amico, abbiamo cenato, parlato, scherzato. Una situazione irreale, se ci ripenso, ma allora mi sembrava tutto normale: ora torno a casa e mi uccido.
L' "assunzione impropria" di farmaci mi ha regalato il terzo ricovero in psichiatria.
Lì, ai miei familiari ed ai dottori comunicavo quotidianamente che dovevano mettersi il cuore in pace e che, appena uscito, avrei portato a compimento il mio proposito.
Così però non è stato.
Il motivo? Non potrò mai esserne certo ma probabimente è stato perchè, vista la situazione, i medici alzarono bandiera bianca, sospesero tutti i farmaci (a parte una dose molto bassa di benzodiazepine) e mi confessarono tutta la loro impotenza davanti alla monoliticità del mio pensiero.
Questa situazione mi ha riportato così nuovamente a stretto contatto con la realtà che mi circondava, dove le mie emozioni ed i miei pensieri non erano più filtrati dalla chimica.
Dopo le dimissioni ho passato mesi davvero strazianti, riflettendo spesso su quale albero potesse essere il più adatto per impiccarmi, ma fortunatamente riappropriandomi anche di me stesso, dei miei pianti, dei miei sorrisi e di tutti gli altri stati d'animo veicolati dal mondo che abbiamo intorno.
Non credo di esserne ancora totalmente uscito, nei momenti di particolare angoscia difatti penso spesso a quella "soluzione", ma forse sono riuscito ad elaborare uno sguardo armonico e consapevole tale da poter rendere, spero presto, la mia vita serena. Continuando ad assumere psicofarmaci credo proprio non sarei mai risucito in questa operazione, seppur lenta, di messa a fuoco della mia esistenza.
Ho conosciuto parecchie persone in cura psichiatrica. Ad alcune di queste vedo assumere quantità esorbitanti di psicofarmaci... mi chiedo sempre come siano potuti arrivare ad un piano farmacologico così devastante e, contestualmente, mi viene tristemente da pensare che non ne potranno più uscire.
Al contempo ne vedo altre a cui magari basterebbe della buona psicoterapia piuttosto che le pilloline, ma né loro né chi gli sta intorno hanno la forza di cambiare le cose.
Ciò che ho scritto vuole essere una semplice testimonianza. Il campo in questione è talmente delicato e complesso che sarei un irresponsabile a svendere la mia esperienza come esempio o indicazione per gli altri.
Nel mio caso ho dovuto però constatare che:
- gli antipsicotici mi hanno portato in depressione
- gli antidepressivi hanno rinforzato le ideazioni suicidarie
- le benzodiazepine portavano alla dipendenza

Detto ciò, spero però che tra le righe si possa percepire quali siano le immense potenzialità ricostruttive di cui è capace la mente umana, sempre se libera e capace di analizzare ed autoanalizzarsi.

A. 

RISPOSTA
Buongiorno A.,
che cosa posso dire davanti a una testimonianza di questo spessore, giocata tutta sulla propria pelle?
Mi inchino a Lei, che è riuscito, seppur parzialmente a "uscirne".
Mi permetto, come sempre, di dire la mia.
Sono un sostenitore della potenza rigeneratrice del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.
Sono d'accordo che non bisogna mai sospendere le terapie psicofarmacologiche in maniera brusca e incosciente.
Ma, al contempo, è quasi unanime il pensiero degli psichiatri di dire: "Se stai bene con il farmaco, perché smetterlo?", e quindi questo comporta un incatenamento a vita agli stessi.
Dovrebbero poter sorgere, come proposto da alcune persone con cui sono in contatto, e come da sempre lo penso anche io, dei centri igienistici dove una persona sotto psicofarmaci possa disintossicarsi a zero farmaci e con il supporto medico per le emergenze.
Dove si venga instradati a un'alimentazione vegana, il più crudista possibile, e dove vengano scandagliate tutte le cause organiche, psicologiche, ambientali all'origine dei disturbi psichiatrici che si manifestano.
Se ne esce eccome dai disturbi mentali. Ma mai con le terapie "convenzionali".


NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore


Pietro Bisanti


5 commenti:

  1. penso che spesso i farmaci sono come il metadone per i tossici che smettono l'eroina e prendono il metadone con gli stessi risultati..ma in maniera legale !!...

    i farmaci non risolvono NULLA ma alleviano al massimo alcuni sintomi..ma alcuni pazienti da tanti farmaci assumono prendono solo gli effetti collaterali di ogni psicofarmaco e basta....CON I FARMACI lo psichiatra fa prima...e intasca la parcella..non voglio demonizzare i farmaci che sono come tutte le medicine in genere..ma in psichiatria ogni patologia ha il suo o piu' farmaci e sempre in eterno..e sempre di piu'...sempre dosi piu' alte....come si fa poi a vedere gli effetti benefici con un mix di sette o otto farmaci a sapere quello che magari fa effetto ?? o quello che danneggia e basta ??.........

    franco

    RispondiElimina
  2. o andate a Pisa all'ospedale pubblico dove esercitava CASSANO ed ora i suoi discepoli..li ti fanno pure l'elettroschock anche se ora gli danno un nome diverso... "terapia elettroconvulsivante"

    segnalo :

    http://www.linkiesta.it/elettroshock-italia

    RispondiElimina
  3. PRENDO LAROXIL DA GENNAIO, E NON VEDO TUTTA QUESTA DIPEMDENZA E NEMMENO EFFETTI COLLATERALI, SO SOLO CHE IL PESO è VERO C'è , MA LA NOTTE DORMO BENE E LA MATTINA MI SVEGLIO BENE , CON UNA MARCIA IN PIU'M E LA GIORNATA COMINCIA......

    RispondiElimina
  4. Le vostre sono tutte cazzate ! Conosco persone che grazie agli psicofarmaci e alla psicoterapia oggi vivono una vita normale e serena e hanno ritrovato se stessi .
    Persone estremiste come voi non dovrebbero trovare spazio sul web ,una cosa è certa , nessuno di voi fighetti dalla tastiera facile ha mai sofferto di attachi di panico altrimenti hai voglia a mangiar vegano ! Ma fatemi il piacere...

    RispondiElimina
  5. Pietro, ti auguro ogni bene per la vita, questa è solo un ipotesi: se a te per un motivo qualunque cuocessero tutti i cibi, ti oscurano il blog , vai in fallimento e nel frattempo ti viene una malattia,l insonnia perenne potrebbe essere che cambi idea? Quando tutto va bene siamo tutti spacchiosi, inteliggenti e piacevoli, e abbiamo la tastiera, la penna e la parola facile, le malattie psichiatriche sono cosa reale, tu diresti ad uno con le ginocchia fracassate di mangiare crudo che ti passa? E se invece sono i neuroni fracassati perchè dici che possono guarire con la verdura cruda? Ma ti rendi conto? Sembri molto inteliggente, quindi credo di si, e questo è peggio ancora.... poi che gli psicofarmaci non tiescono nel loro intento al 100% lo sapevamo già... saluti

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.