ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 31 marzo 2014

LIBRO IN USCITA E COMPLIMENTI AL BLOG

LETTERA

Prendo il cartaceo

Complimenti per il lavoro che stai facendo, sei stato fondamentale per me...ti seguo e parlo di te..



Appena ho le coordinate ti bonifico e ti mando copia della ricevuta.

F.to Daniele



RISPOSTA

Ciao Daniele,
sapere di essere stato fondamentale nella vita di qualcuno mi riempie di orgoglio.

Grazie per l'acquisto del libro "Assassini in pillole: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Il libro è acquistabile sin da subito, scrivendo a pbisant@hotmail.com

Acquistare il libro significa non solo gettarsi a capofitto in una visione della psichiatria moderna completamente controtendenza, ma anche contribuire all'enorme lavoro che questo blog sta portando avanti nella più completa gratuità da più di tre anni.

Grazie

Pietro Bisanti

EX PARACADUTISTA INGRASSATO 20 KG: CRAMPI MUSCOLARI, MANCANZA DI VOLONTA' E UNA MAREA DI SIGARETTE

LETTERA

la ringrazio, ho letto la sua risposta adesso, domani prendo un appuntamento con un nuovo psichiatra, il problema è che sto perdendo volontà a livello cerebrale, non so ho come spiegarlo fatico ad alzarmi dal letto, da domani ricomincio con lo sport, e ricomincio lavorando con l'orto perché l'inattività e i farmaci mi hanno tolto concentrazione e forza mentale, non tengo neanche mezz'ora di lavoro, sono ingrassato 20 kg, comunque grazie, la parte brutta è che sono solo, mia madre non capisce, sono un ex paracadutista del 185, quindi la volontà non mi mancava, mi hanno distrutto, facevo 3 serie da 50 piegamenti tutte le mattine, ora fatico a fare una serie da 10, praticavo due arti marziali brasilian ju jitsu e muay thay, adesso senza motivo mi partono i crampi muscolari, correvo per 1 ora 6 giorni a settimana, non fumavo, in psichiatria dopo due mesi e mezzo dove l'unica attività era fumare ogni ora ho iniziato a fumare, ero sedato e ho ceduto, speriamo in bene, smettere di colpo di prendere i farmaci non posso parlerò con la nuova psichiatra, la mia è una forma di schizofrenia con allucinazioni, la mia storia è stata dura, mio padre è stato trovato a pezzi di 20 cm sotto i binari di un treno, quando avevo 17 anni, quell'episodio mi ha segnato, le allucinazioni mi sono venute in thailandia mentre praticavo muay thay, senza motivo, ho pensato che forse qualcuno mi ha messo un acido in una bevanda non ho idea del perché, i dottori del cps dicono che dipende dalla mia storia familiare e forse è genetica, non vedo una via d'uscita, certo è che se non reagisco ora mi rovinano del tutto, la ringrazio di cuore per il suo tempo gratuito, se mi da le coordinate bancarie voglio leggere il suo libro in cartaceo, ora metto giù un programma di allenamento leggero e da domani ricomincio, posso farcela.

Un grazie di cuore Giacomo



RISPOSTA

Buongiorno Giacomo,
ci siamo già sentiti e colgo l'occasione per puntualizzare altre cose.

"È finita si dice alla fine", come diceva Rocky Balboa.

Quindi, nonostante tutti gli insulti farmacologici a cui è stato ed è tuttora sottoposto, non dimentichi mai le capacità autoguaritive del corpo umano.

Non sono un dottore, non faccio diagnosi, non curo nessuno, né prescrivo alcunché.

Questa campagna informativa serve a smontare uno per uno i dogmi di una psichiatria ormai fuori controllo.

Tutto quello che accade sono i sintomi classici conseguenti all'assunzione di neurolettici, specialmente la perdita di volontà.

Questi farmaci demoniaci sono stati sviluppati proprio per spegnere intere aree del cervello.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti. 
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

Intestino e psiche sono una cosa sola, non lo scordi mai.

Quindi, per uscirne fuori bisogna effettuare uno scalaggio saggio e intelligente, migliorando al contempo come detto lo stile di vita.

Non credo alle bufale della genetica, per la quale alcuni di noi sono costretti a diventare "difettosi" nel corso della vita.

Credo che il nostro corredo genetico ci permetta di avere, assieme alle nostre abitudini di vita, una resistenza più o meno grande in relazione agli abusi a cui lo sottoponiamo.

Qualunque corpo alimentato correttamente e spiritualmente supportato è in grado di rinascere e vivere bene.

Lei ha bisogno di "cibi-puliti e pensieri-puliti".

I traumi si superano alimentando correttamente il nostro corpo e il nostro spirito, e non con farmaci che riducono le persone come flaccidi zombie.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



ARTRITE PSORIASICA: L'ALIMENTAZIONE È TUTTO

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "ARTRITE PSORIASICA: DERMATOLOGO + REUMATOLOGO = TO...": 

Ho provato a fare come consigliato dopo un digiuno di 5 giorni. Devo dire che funziona. Per la prima volta mi sono alzato dal letto senza i soliti dolori. Ho fatto una prova per tre settimane. Dolori quasi zero, più forza per lavorare. Poi ho provato a mangiare "alimenti proibiti", in soli due giorni è tornato un male bestia. Valeva la pena provare. Adesso mi rimetto in stecca. Con me ha funzionato. Grazie ancora dei consigli. 




Postato da Anonimo in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 31 marzo 2014 01:31


RISPOSTA

Grazie Anonimo,
queste testimonianze sono perle preziose per tutti quelli che considerano l'alimentazione una semplice introduzione di qualunque tipo di cibo.

Avanti così: l'alimentazione vegan-crudista cambierà finalmente questo mondo marcio.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.




domenica 30 marzo 2014

TRANQUIRIT, HALDOL, TAVOR, FELISON, SEROQUEL: UN'INONDAZIONE DI FARMACI LUNGA 14 ANNI

LETTERA

Caro Pietro,
Sono una ragazza di 34 anni, ho due bambini uno di 8 anni l'altra di 10 mesi. Assumo psicofarmaci da oltre 10 anni senza mai aver risolto i miei problemi che sono di varia natura. Ho sofferto di depressione con tentato suicidio a venti anni disturbi di doppia personalità e ora da qualche anno schizofrenia. È vero all'università ho fatto una vita squilibrata con uso di sostanze stupefacenti ma sono sempre stata una brava ragazza. Ora dipendo fortemente dal tranquirit haldol e ogni tanto prendo il tavor oro e da nove mesi il felison. Ho usato in passato seroquel e tantissima altra roba che ha solo attutito momentaneamente i miei disturbi ma mai curati definitivamente, anzi mi sembra sempre di peggiorare. La mia psicologa è contraria ai farmaci ma è impotente perché lo psichiatra invece secondo me si diverte a sperimentare su di me ogni tipo di sostanza e poi lascia a lei il compito di beccarsi ogni tipo di mia paranoia e poverina ormai non sa più che dirmi. Sono passati 14 anni, che mi conosce, ultimamente sa solo dirmi stai tranquilla che prima o poi ne usciamo. Ho un marito d'oro che sopporta ogni mia crisi e cerca a modo suo di aiutarmi... Io penso che dopo 14 anni di merda assunta scusa il termine il mio cervello non ce la fa più. Capisci ormai non so più che altro fare. Ho paura che se non assumo i farmaci impazzisco ma allo stesso tempo mi rendo conto che tanto mentalmente sana pur assumendoli non lo sono. Ho capito subito dal tuo blog che tu qualcosa in più, rispetto a loro, gli psichiatri, l'hai capita ma non pretendo nemmeno che tu sia il mio guru di guarigione anche perché secondo me io non guarirò mai. Volevo solo darti la mia testimonianza e sperare che tu abbia qualche consiglio anche per me. Grazie di cuore Raffaella 

Inviata dal mio Windows Phone


RISPOSTA

Ciao Raffaella,
dire che la tua testimonianza sia preziosa come l'oro è usare un eufemismo.

Sono orgoglioso del lavoro che sto portando avanti, anche se mi state tutti caricando sulle spalle una grande responsabilità.

Questo piccolo uomo che dottore non è, che non cura nessuno, che non fa diagnosi e non prescrive alcunché sa di aver imboccato la strada giusta, seppur molto tortuosa.

Veniamo a noi...

Sicuramente una vita sregolata, con l'aggiunta di stupefacenti di varia natura, non ha fatto altro che sconquassarti fisicamente, e da qui l'inizio o l'aggravamento dei tuoi disturbi.

Non smetterò mai di evidenziare come il nostro corpo sia fatto di carne, sangue e reazioni chimiche.

E il cervello non è da meno: più merda riceve, peggio funzionerà.

Ora, che si fa?

Questo vuoi sapere da me, e non tante belle parole di circostanza.

Le strade sono due: o continui a vita a seguire quella stessa psichiatria che ti ha ridotto nello stato in cui sei, oppure prendi finalmente in mano le redini della tua vita.

Cosa significa questo?

Significa un totale, senza se e senza ma, cambio di abitudini, in particolar modo quelle alimentari.

Alimentazione vegana, il più crudista possibile.

Contemporaneamente, si deve cominciare uno scalaggio graduale della molecola o delle molecole che stai assumendo.

14 anni e un tale mix di farmaci significa che la dismissione può raggiungere livelli di difficoltà inimmaginabili.

L'unica cosa che sento di dirti è questa: il corpo umano, allorquando trattato in maniera consona, ha delle capacità di ripresa e autoguarigione formidabili.

E se a 34 anni ti senti uno zombie di 80, tale cambiamento deve essere ancora più sentito.

Io sono qui per prenderti la mano ogni qualvolta ne avrai bisogno, ma la miccia devi accenderla tu.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.




SINDROME SCHIZOAFFETTIVA: SIRINGONE MENSILE DI XEPLION E SONO DIVENTATO UN'AMEBA

LETTERA

Buongiorno, mi chiamo Giacomo e purtroppo da quattro anni assumo terapia farmacologica, mi hanno diagnosticato la sindrome schizoaffettiva con disturbo bipolare, attualmente sto assumendo xeplion 100 mg una volta al mese, i farmaci mi stanno rendendo un'ameba, non riesco nemmeno più a concentrarmi, mi hanno ricoverato alcune volte in TSO, e una volta mi hanno tenuto legato al letto dieci giorni e tenuto in reparto due mesi e mezzo, è diventato un incubo, questo mese non andrò a fare la puntura ma mi hanno minacciato di obbligarmi con i vigili, è davvero possibile che non posso fare niente per oppormi agli abusi psichiatrici, mia madre si fida dei dottori e mio padre è morto, quindi al benché minimo problema mi porta in psichiatria, cosa posso fare concretamente per evitare l'obbligo di assumere psicofarmaci, che mi stanno distruggendo, ero solare, felice, facevo sport ora ho perso pure il lavoro, e non vivo più, legalmente cosa posso fare visto che non ho mai commesso reati, la ringrazio e aspetto una sua risposta.

in fede Giacomo


RISPOSTA

Buongiorno sig. Giacomo,
lettere come la sua sono un duro colpo al cuore per me.

Questa è la nostra società, e conseguentemente la nostra psichiatria.

Ormai non si parla più con nessuno, non vi è proprio la voglia di capire il prossimo, qualunque problema egli possa avere.

Non so il suo percorso personale di vita, e quindi non so come esattamente sia finito numerose volte in TSO, ora con un'iniezione mensile di Xeplion 100 mg, un antipsicotico il cui principio attivo è il "paliperidone".

Cosa penso di tale farmaco? Tutto il male possibile.

Gli antipsicotici sono una categoria di farmaci che non esito mai a definire demoniaca.

Le persone che li assumono, come lei fa ben presente, diventano zombie, amebe che si trascinano senza concludere nulla.

Per qualunque motivo si sia reso necessario un TSO, è forse servito a restituire alla società un membro sano e costruttivo? No...ha persino perso il lavoro.

Sport...lavoro...ora invece un'ameba disoccupata. Questo significa guarire sig.ri psichiatri?

Che fare ora?

Primo: mantenere la calma e, nel limite del possibile, un minimo di lucidità.

Evitare qualunque tipo di atteggiamento aggressivo: sono un uomo di Legge e il sistema va affrontato con i mezzi che il sistema stesso mette a disposizione.

Tutti i trattamenti sanitari obbligatori devono avere dei presupposti di Legge e sono impugnabili da chiunque ne abbia diritto, quindi anche dalle associazioni che si occupano di tutelare i malati psichiatrici.

Mi viene in mente "Telefono Viola", anche se non ho una esperienza diretta con loro.

Provi a cercarli su Internet e a contattarli: quello che le serve con priorità assoluta è una tutela legale ad hoc.

Con il tempo, e con la buona volontà di avvocati sensibili, cercherò di creare un mutuo soccorso anche in campo legale.

Rilegga in lungo e in largo questo blog, e cerchi di attuare tutti i consigli, anche e soprattutto in campo alimentare, che vengono dispensati.

Come dico sempre, non sono un medico, non curo nessuno, non prescrivo nulla né faccio diagnosi alcuna.

Nessuno potrà mai impedire però a ognuno di noi di capire cosa ci faccia bene e cosa ci faccia male.

Nel suo caso, lo ha capito benissimo, ma deve anche tenere conto che dismettere un antipsicotico così potente non è cosa da fare da soli.

Può infatti diventare un'esperienza terrificante, e qui in Italia praticamente non esiste struttura alcuna dove si possa essere assistiti nella dismissione dagli psicofarmaci.

Con gli strumenti che abbiamo ora, deve semplicemente mettercela tutta nel rimanere tranquillo, impugnare attraverso delle associazioni specializzate qualunque trattamento sanitario dovessero imporle, assolutamente rivoluzionare il suo stile di vita soprattutto alimentare.

Uscire dagli ingranaggi della psichiatria può essere a volte difficilissimo.

Sono qui per aiutarla nel mio piccolo, e continueremo a sentirci via mail.

In un futuro non troppo remoto spero che con l'aiuto di tutti si possa finalmente dare il supporto che tutti i cosiddetti "malati psichiatrici" meritano.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO



ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


sabato 29 marzo 2014

TRONCATA INIEZIONE MENSILE DI CLOPIXOL E DIABETE TIPO 2 E PRESSIONE FINALMENTE SOTTO CONTROLLO

LETTERA

Gentile Pietro Bisanti le scrivo per comunicarle che desidero ricevere il libro 
in oggetto, quando uscirà, in forma Ebook, mi mandi pure le coordinate bancarie 
per il pagamento. Colgo l'occasione per ringraziarla delle sue esposizioni, 
uniche nel settore, frutto della sua esperienza diretta maturata nel suo 
delicato campo lavorativo: mi hanno permesso di troncare definitivamente i 
cosidetti "contatti terapeutici" consistenti nell'iniezione mensile di una 
piccola quantità di "clopixol" che oltre ad annebbiare la mia psiche mi ha 
provocato, per effetto collaterale, l'insorgenza del diabete tipo 2 e un alto 
valore della pressione sanguigna, condizioni che sto personalmente controllando 
e ridimensionando mediante una adeguata alimentazione di prodotti 
ortofrutticoli biologici selezionati in modo opportuno.
Grazie

E. G.




RISPOSTA

Gent.mo sig. E.,
grazie della sua preziosissima testimonianza.

Questo piccolo uomo, come dico sempre, non è un dottore, non cura nessuno, non fa diagnosi e non prescrive alcunché.

Credo fermamente nel potere di autoguarigione del corpo umano (allorquando gliene venga data la possibilità), secondo i millenari principi dell'igienismo naturale.

Qui non si parla di "santoni", "guru", "sciamani" et company.

Qui si sta con i piedi ben saldi per terra, facendo una controinformazione seria e ponderata, a seguito della quale chiunque può finalmente decidere autonomamente cosa fare.

Il giudizio di questo blog su psichiatria e psicofarmaci è fallimentare, lo zero più assoluto.

Le cosiddette malattie mentali devono essere trattate per quello che sono, e cioè un segnale, una sintomatologia che va ascoltata, capita ed eradicata alla base e non stroncata con pillole demoniache, che rimangono sempre e comunque sostanze di sintesi chimica estranee al corpo umano.

Lei stava assumendo il Clopixol, un antipsicotico tipico con principio attivo "zuclopentixolo".

Questo farmaco viene usato per sopprimere, e ripeto, sopprimere, gli stati maniacali, allucinatori, schizofrenici.

E cosa serve sopprimere la mera sintomatologia se il problema (sia esso organico, psicologico, ambientale o tutti e tre) alla base della sintomatologia non viene completamente eradicato?

Non serve a nulla, se non a posticipare e aggravare il problema, con l'aggiunta della tossicità degli altri effetti, chiamati collaterali, ma che rimangono effetti a tutti gli effetti anche se non voluti (scusate la cacofonia).

Diabete e pressione alta sono i classici effetti "collaterali" degli antipsicotici, che devastano e sconquassano il corpo umano.

Non serve una laurea per capirlo, basta vedere quanto ingrassa la gente sotto questi farmaci o fare un salto sui forum americani, oppure chiacchierare con gli avvocati americani che si occupano di class action mirate contro le case farmaceutiche.

Sono onorato che questo blog abbia permesso anche a lei di decidere autonomamente di sganciarsi dalla dipendenza psicofarmacologica e di abbracciare un'alimentazione vegan-crudista che possa permettere al suo corpo di fare quello per cui è stato progettato: autoguarire.

Grazie di cuore anche per l'acquisto del libro. 

Chiunque voglia riceverne una copia, può scrivere a pbisant@hotmail.com.

Vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento, per la versione cartacea (16 Euro) o Ebook (8 Euro).

Il libro verrà spedito a casa in cartaceo o tramite link in ebook dal 30.06.2014.

Acquistare il libro: "Assassini in pillole: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere" significa letteralmente gettarsi in un'esperienza del tutto nuova, ove la branca psichiatrica e gli psicofarmaci vengono analizzati in maniera totalmente diversa.

Acquistare il libro significa infine aiutare questo piccolo uomo in questa campagna informativa senza precedenti, che va avanti da 3 anni senza che a nessuno sia mai e poi mai stata chiesta una lira.

Notti intere davanti al PC, tantissime persone che mi hanno scritto e telefonato, solo ed esclusivamente perché credo dal più profondo del cuore che solo una vita senza psicofarmaci sia una vera vita.

Grazie a tutti.

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.

mercoledì 26 marzo 2014

ASSASSINI IN PILLOLE: LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE. ORA CI SIAMO

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto.

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti






lunedì 24 marzo 2014

GRAZIE DEI COMPLIMENTI, MA LO SPIRITO DEL BLOG DEVE ESSERE E SARA' SEMPRE GRATUITO

SALVATORE GERVASI ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "ECCO COME AGISCONO GLI ANTIDEPRESSIVI: CIPRALEX 20...": 

Ciao complimenti per l'articolo e per il blog in generale. 
Interessante è il coraggio con il quale denunci queste "pillole assassine", che effettivamente sono molto pericolose.
Ho trovato anche molto chiara questa metafora che rispecchia a pieno ciò che vuoi dire :" Non si pulisce casa nascondendo la spazzatura sotto il tappeto, così come non si risolvono le sintomatologie mentali senza averne sradicate le cause (siano esse organiche, ambientali, psicologiche o tutte e tre)."
Se ti va passa dal mio blog www.mywellnesskyani.com , se trovi interessante qualcosa commenta e se vuoi iscriviti ai lettori fissi :) 
Ancora complimenti 




Postato da SALVATORE GERVASI in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 18 marzo 2014 11:59


RISPOSTA

Ciao Salvatore,
e grazie dei complimenti, che fanno sempre piacere.

Questo blog nasce tre anni fa e i suoi punti di forza sono da sempre la chiarezza totale e la gratuità al 100%.

Zero denaro richiesto per tutto il tempo che passo a pubblicare, studiare, leggere, informarmi e rispondere a tutte le persone che mi scrivono o telefonano da tutta Italia.

È prevista solo un'offerta libera per compensare le spese di gestione, ma nessuno deve mai e poi mai sentirsi in dovere di aprire il portafoglio.

Quando infatti il vile denaro subentra tra i rapporti personali, lo sfacelo è alle porte.

Sempre perché ho spazzato via l'ipocrisia dalla mia vita, il mio libro di prossima uscita sarà acquistabile e non verrà regalato, considerato che è frutto di anni e anni di studi ed esperienze, oltre a tutte le responsabilità personali che mi prendo in prima persona.

Quindi, sono a disposizione di chiunque stia soffrendo e voglia sentire una campana "non medica" diversa; che possa ricevere un'informazione alternativa senza dover pagare parcelle salate, ma solo ed esclusivamente poiché esistono ancora l'amore e il mutuo soccorso.

Poi, se la mia informazione sarà talmente vera e incisiva da cambiare (come già sta facendo) in meglio la vita delle persone e per questo qualcuno vorrà donarmi una supercar nuova di zecca, certo non la rifiuterò.

Ma ciò che ogni giorno mi spinge in quest'opera senza precedenti in ambito psichiatrico è la consapevolezza che dedicarsi al prossimo, soprattutto quando sofferente, sia il motore trainante della vita stessa.

Ho visto il tuo blog, e purtroppo la vendita di integratori "cozza" con quello che è il messaggio che qui si vuole dare.

Comunque, in bocca al lupo.


Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


domenica 23 marzo 2014

LA MADRE SI IMPICCA E ORA VOGLIONO DARE IL DAPAROX ALLA FIGLIA

LETTERA


Grazie.
Il tecnico della risonanza mi ha detto che in prima istanza non ha visto nulla di molto grave...ma si aspetteranno alcuni giorni per uno studio appropriato del caso. Ho fatto RM con sequenza angiografica e mezzo di contrasto per lo studio approfondito della mappatura del microcircolo all'encefalo..
Speriamo bene..
Il mio curante sostiene che ci sia qualcosa in termini di microcircolo a causa delle cervicali schiacciate C5 eC6 per osteoartrosi..
Ho appena 39 anni...e non e' bello avere questi disturbi dell'equilibrio..ho episodi di stordimento/mancamento e lavoro con i bambini..quindi entro nel panico per loro, perche' non vorrei farli spaventare..
La mia dott.ssa pensa che io abbia pure somatizzato il suicidio/gesto di mia mamma...e mi ha somministrato ansiolitico e tranquillante piu' un antidepressivo Daparox ( mai preso )... mi sono limitata all'assunzione di 10 goccine di tranquirit...ma ora non le assumo da 4gg. ..voglio farcela senza gocce..al massimo prendo fiori di bach e fumo qualche sigaretta x il panico...ma niente tranquillanti-..
Speriamo bene..
Grazie del gentile pensiero


RISPOSTA

Sig.ra Rita,
ormai è un po' di tempo che ci scriviamo, e come lei ben sa io dico sempre quello che penso, anche se a volte posso sembrare un po' duro o magari superbo.

Mi scusi il titolo pesante. Ho il massimo del massimo del massimo rispetto per la morte e il dolore altrui, ma ribollo dalla rabbia quando sento cosa le stia accadendo.

Sua madre commette suicidio per impiccagione sotto antidepressivi (per i lettori nuovi giunti, vi rimando qua).
La sua psichiatra non fa un minimo di riflessione, di autocritica.

Non pensa lontanamente, la sua cara dottoressa, che siano stati propri i farmaci a far sì che ora vostra madre non sia con voi.

No, non lo pensa. E subito indirizza i suoi disturbi, che a mio sommo parere andrebbero affrontati con un radicale cambiamento dello stile di vita, alimentare in primis, verso ulteriori psicofarmaci.

La follia dopo la follia.

La psicomedicalizzazione dell'intero pianeta e la lobotomizzazione di tutte le emozioni: a questo arriverà la psichiatria se ognuno di noi non comincia a ragionare con la propria testa.

Come dico sempre, non sono un medico, non curo nessuno, non faccio diagnosi, non prescrivo nulla e ben me ne guardo dal farlo.

Se fossi in lei, al posto di analizzare il "microcircolo all'encefalo" con la lente di ingrandimento, butterei nel cesso le sigarette, i caffè, le gocce di ansiolitico e gli altrettanto inutili fiori di Bach e mi butterei a capofitto finalmente in un'alimentazione vegana, il più crudista possibile.

Lei continua a combattere i sintomi sig.ra Rita.

O crede fermamente nel suo corpo, e quindi a esso si affida, oppure faccia tutto quello che i dottori le dicono, e prenda quindi il Daparox, antidepressivo SSRI (selettore della ricaptazione della serotonina) il cui principio attivo è la demoniaca "paroxetina", che ha indotto al suicidio non so quante persone nei soli Stati Uniti.

Lei invece tiene il piede in due scarpe, perché sa che qualcosa le suona storto.

Le auguro tutto il meglio sig.ra Rita.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.





lunedì 17 marzo 2014

CITALOPRAM, ELOPRAM, LEVOPRAID, PAROXETINA, CIPRALEX, XANAX: UN FIUME DI FARMACI E L'INFERNO IN TERRA

Ciao Pietro,

consentimi di darti del “tu” poiché leggendo quotidianamente il tuo blog posso 
affermare ad oggi con certezza che mi hai aiutato più di chiunque altro.
Mi chiamo B., abito a ****** e la mia storia è una storia come
tante, non pretendo compassione ne tanto meno cercare una corsia preferenziale 
per farmi compiangere, storia che è cominciata quando avevo 20 anni – oggi ne 
ho 36 – segnata dall’abuso farmacologico psichiatrico indotto dall’ignoranza 
della moderna medicina occidentale che mira a curare il sintomo e non la causa, 
che mira ad ingrassare le pance strabordanti delle multinazionali farmaceutiche 
buone solo a generare malati sempre più gravi e zombie, come tu li chiami, 
incapaci di emozionarsi e di guardare alla vita con gioia e serenità, 
sentimenti per cui l’uomo è stato generato, scevro di sofferenze indotte da 
beceri professorini universitari da quattro soldi.

Ebbi il mio primo attacco di panico all’età di 20 anni. Sappiamo tutti ormai 
come si manifesta: sensazione di costrizione alla gola, sensazione di non 
riuscire a respirare, iperventilazione, tremori e la paura crescente durante 
tutto il giorno di ricadere nell’incubo, insonnia. Mi sono curata da un – ora 
noto – psichiatra milanese che mi prescrisse Seroxat ed in due mesi devo 
confidarti che mi ha risolto il problema. Si, per due mesi.
Dopo circa sette anni gli attacchi di panico sono tornati, ho cambiato 
psichiatra. Uno psichiatra di Como che mi ha consigliato il mio ragazzo di 
allora e da quel momento è cominciato l’incubo. Premetto che sono sempre stata 
contro l’uso degli psicofarmaci ma la mia condizione era talmente invalidante e 
la mia cultura in merito molto limitata pertanto sono finita anch’io nella 
trappola psicofarmaco = cura definitiva.

Sono passati ben CINQUE/SEI ANNI da quando ho cominciato la “cura” cambiandola 
ogni volta perché la mia resistenza al farmaco mi impediva di protrarla nel 
tempo, percui via a qualsiasi tipo di farmaco, dal Citalopram all’Elopram, dal 
Levopraid alla Paroxetina ed infine Cipralex ma, in tutto questo bailamme, lo 
Xanan non mi ha mai abbandonato. 

Ma l’ultimo anno è stato INFERNALE e credimi, la parola INFERNALE è solo un 
eufemismo.
Sono stata tacciata di essere ipocondriaca, ho speso una valanga di soldi 
perché ogni maledetta volta che lamentavo un sintomo VERO ( non inventato, né 
indotto dall’ansia ) lo psichiatra mi rispediva a casa dicendomi che è tutta 
ansia! E’ ansia andare al cesso in diarrea per quasi un anno di fila per ben 
tre/quattro volte al giorno? E’ ansia la depressione indotta dall’abuso di 
XANAX ?? E’ ansia la sensazione di svenimento continuo che avvertivo quando non 
riuscivo nemmeno ad alzare un braccio?? E’ ansia i dolori muscolari lancinanti 
che avvertivo a giorni alterni ?? Ed ancora, è ansia la voglia di gettarmi dal 
balcone, di dormire continuamente, di rifuggere la vita sociale e la paura di 
svegliarmi la mattina desiderando fortemente l’arrivo della sera per non 
pensare?? No Pietro. Io VOGLIO e DEVO ribellarmi a tutto questo schifo che 
circonda questo mondo fatto solo di misera ipocrisia! TU MI HAI AIUTATO. La mia 
storia stava andando a puttane per colpa di quella merda e potrei continuare 
fino all’esasperazione.

Ma ho qualcosa di buono per te, Pietro.
Se non fossi stata una donna caparbia, con un intelletto volto alla ricerca 
della verità, ma la verità quella vera non quella che ti fanno credere tutti i 
giorni, a quest’ora sarei chiusa in una cassa al camposanto. Ho chiuso con gli 
psicofarmaci, ho intrapreso un percorso di disintossicazione da Cipralex a 
Dicembre 2013, ho preso la scatola e l’ho buttata nella spazzatura e da 
Settembre 2013 sto continuando a scalare lo Xanax ( assumevo 60 gocce al giorno 
) ora a tutt’oggi sono arrivata ad assumere 10 gocce e la dismissione non è 
certo facile ma ce la sto facendo, alimentandomi in maniera sana poiché nel 
corso di tutto questo tempo ho avuto problemi gastrointestinali non 
indifferenti ( inoltre scovata intolleranza a Lattosio, Lieviti e Nichel ).
Sto praticando l’agopuntura ( concedimelo perché può non fare effetto ma 
almeno non fa male! Nel mio caso trovo molti benefici ) e sedute dalla 
psicoterapeuta che è il mio angelo custode e tanto, tanto amore da parte di 
amici e parenti.

E voglio concludere dicendoti che ho pianto tanto nel leggere le testimonianze 
di quelle povere madri incastrate in un presente diabolico originato 
dall’incompetenza medica, di quei poveri figli ridotti a cumuli d’ossa, incapaci di 
provare la benché minima emozione. Voglio aiutarti Pietro se posso fare 
qualcosa e desidero che le nostri voci da ora in avanti si moltiplichino fino 
ad espandersi a tal punto da far scomparire tutta la sofferenza inferta al 
genere umano e ..voglio conoscerti, per stringerti la mano, per abbracciarti e 
dirti che stai facendo un lavoro encomiabile che merita tutto il “nostro” 
rispetto. 

Ti lascio il mio numero di cellulare e se vorrai sarà un vero piacere 
incontrarti anche solo per un caffè poiché Seveso è ad uno schiocco di dita da
*****: ********.

Avanti così Pietro, non sei solo.


B.



RISPOSTA

Carissima B.,
un caldissimo abbraccio ti giunga già con questo messaggio.

E lo estendo a tutte le persone che soffrono.

Cosa può fare questo piccolo uomo?

Continuerò a battermi per far sì che più persone possibili possano avere informazioni vere e reali su cosa siano gli psicofarmaci, per poi decidere autonomamente e consapevolmente.

Una testimonianza magnifica come la tua meriterebbe di essere incorniciata e affissa davanti alle psichiatrie pubbliche e private di tutta Italia.

Io la conserverò nel mio cuore durante questo lungo cammino che ho intrapreso.

Sono forte come il granito e so come muovermi, ma so anche che gli attacchi che questo blog e la mia persona ricevono aumenteranno esponenzialmente in relazione alla notorietà e l'interesse che vedo crescere giorno per giorno.

E, senza vergogna, vi dico che ho bisogno di ognuno di Voi.

Non lasciatemi solo.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti

ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



domenica 16 marzo 2014

ECCO COME AGISCONO GLI ANTIDEPRESSIVI: CIPRALEX 20 MG, DUE RIGHE CHE FANNO ACCAPPONARE LA PELLE

Valentina ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "CIPRALEX, ZOLOFT, XANAX: UNA CALMA SURREALE PRIMA ...": 

Io prendo Cipralex da quasi 1 anno 20 mg al giorno e sono rinata. Mi sento felice, di buon umore ed ho ripreso appetito...pure troppo!!!! 


Postato da Valentina in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 14 marzo 2014 21:26



RISPOSTA

Buongiorno sig.ra Valentina,
mentre le scrivo questa risposta ho i brividi lungo la schiena.

"Sono rinata, mi sento felice, di buon umore, e ho ripreso appetito...pure troppo".

Si rende conto che il suo attuale stato mentale è la diretta conseguenza di una molecola di sintesi chimica che sta agendo sul suo cervello?

Lei è felice perché ha lavorato su se stessa? Perché ha finalmente cambiato alimentazione, dando al suo corpo i nutrienti giusti per funzionare correttamente anche a livello psicologico? Perché ha finalmente capito quanto la vita sia bella quando viene vista dai giusti lati e con i giusti valori?

No. Lei è felice indipendentemente da tutto. Felice perché è drogata. 

Ricordo molto bene una ragazza che dopo circa dieci giorni di Effexor (un antidepressivo) aveva cominciato a gridare al miracolo da quanto si sentiva bene.

Dopo alcuni mesi è stata trovata in bagno a tagliarsi le vene.

Il farmaco che sta prendendo sta funzionando esattamente per come è stato progettato.

Una poderosa (quando va bene, perché non è così per tutti) spinta iniziale, che durerà magari anche due, tre anni.

Poi comincerà a non funzionare più, e quindi aumentiamo la dose, associamo un altro farmaco, cambiamo molecola, giocando al "piccolo chimico" con lei come cavia.

Oppure, fra qualche mese, il suo saggio psichiatra, vedendo il sorriso da ebete felice impresso sul suo viso, gongolandosi per i risultati raggiunti, deciderà di farle scalare il farmaco.

E boom! Una bella crisi da dismissione, con sintomi triplicati rispetto a prima.

Magari riuscirà a scalare senza problemi (accade anche questo), ma stia sicura che il tracollo è in agguato, senza contare la miriade di effetti nefasti che questa molecola sta intanto provocando a livello fisico.

E il suo saggio psichiatra, le dirà che è la "malattia che sta riaffiorando" e quindi giù di farmaci, a dosi ancora più alte.

Non si pulisce casa nascondendo la spazzatura sotto il tappeto, così come non si risolvono le sintomatologie mentali senza averne sradicate le cause (siano esse organiche, ambientali, psicologiche o tutte e tre).

Le sirene di Ulisse hanno colpito ancora: ora Valentina, lei si trova nella fase di ammaliamento, ma presto o tardi (anche se le auguro, come sempre, di stare bene a vita, anche sotto psicofarmaci) le sirene faranno vedere il loro vero aspetto.

Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO



ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



APRIAMO GLI OCCHI ALLA GENTE: GLI PSICOFARMACI NON SONO CARAMELLE

*Dioniso*777* ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "RICCHI, POVERI, BELLI, BRUTTI, FAMOSI, SCONOSCIUTI...": 

NON POTEVI DIRE COSE PIU' ESATTE!
Complimenti per il blog, le testimonianze ed i consigli, la rete dovrebbe pullulare di siti come il suo.
Una che la segue da tempo ...
Saluti e Buona Vita 


Postato da *Dioniso*777* in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 13 marzo 2014 15:32



RISPOSTA

Grazie Dioniso,
so che mi leggi da molto e i tuoi complimenti sono di grande aiuto per darmi la spinta giusta per continuare sempre più determinato.

Il più grande crimine commesso nei confronti di chi assume psicofarmaci è proprio quello di non spiegare cosa siano, come agiscano, quanto sarà dura dismetterli e tutta la serie di effetti nefasti che producono sul corpo umano.

Quando vai da uno spacciatore, sai per filo e per segno che effetti avrà sul tuo corpo quella determinata sostanza, e sai anche bene che avrai delle crisi di astinenza se non potrai assumerla con regolarità.

Quando vai da uno psichiatra, difficilmente ti verrà detto che un antidepressivo produce dipendenza, astinenza, tolleranza e crisi da dismissione.

Ma le bugie hanno le gambe corte, e questo blog ne è l'espressione lampante.

Cosa vogliamo? Un mondo senza psicofarmaci, dove le cosiddette "malattie mentali" verranno finalmente approcciate con il binomio "cibi puliti - pensieri puliti": nutrienti giusti e amore, di cos'altro ha bisogno un essere umano?


Pietro Bisanti

Per tutti: a breve uscirà il mio primo libro "ASSASSINI IN PILLOLE: La psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere": prenotazioni a pbisant@hotmail.com

Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.