ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

lunedì 28 luglio 2014

PSICOSI DA CANNABIS: VOCI, AUTOLESIONISMO E OLANZAPINA SUN

LETTERA

Buongiorno ho visto il suo blog e volevo chiedergli un consiglio visto che sto cercando di dare appoggio e aiuto a una amica che ha suo figlio nel psichiatrico di Udine per una psicosi molto forte dovuta a cannabis.

Che cosa può fare con il ragazzo che sente voce che lo tormentano insultando e cercando che si faccia del male tutto il giorno.
Come si può fare senza farmaco per aiutare a questa persona? Mi hanno parlato della olanzapina sun, mi sa dire qualcosa? 
Bocca in lupo per il suo libro!!!
A presto e grazie per il suo aiuto
F.to P. A.



RISPOSTA

Buongiorno sig.ra P.,
e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un dottore, non curo nessuno, non faccio diagnosi né prescrivo alcunché.

Sono semplicemente convinto della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

La cannabis è e rimane una grandissima porcheria, capace di fare da innesco a una moltitudine di disturbi mentali.

Non è un'innocua pianticella, bensì una potente sostanza psicotropa, che la Natura non ha certo creato per essere fumata dall'uomo.

Come avrà visto leggendo questo blog, ritengo le "cure" psichiatriche dannose tanto quanto la cannabis stessa. Purtroppo, quando si arriva all'ospedale in preda a una psicosi conseguente all'assunzione di tale stupefacente, il passo successivo è quello di essere imbottiti di antipsicotici, quando sarebbe semplicemente sufficiente contenere la persona in attesa della fine della crisi: nessun attacco psicotico indotto da stupefacenti è infatti eterno.

Il mio consiglio: dismissione dei farmaci assunti (e le modalità si decidono in base a tipologia/tempo di assunzione/dosaggio), stare lontani anni luce da qualunque tipo di droga, netto cambio alimentare verso un'alimentazione vegana, il più crudista possibile.

L'olanzapina sun è semplicemente il principio attivo dello Zyprexa in versione orosolubile (in pratica, si scioglie in bocca, senza dover essere inghiottita): le pensano proprio tutte questi geni del male.

Digiti sul motore interno del blog la parola "Zyprexa" e legga tutti gli articoli scritti riguardo a questo demoniaco farmaco.

Nel corso dei miei 20 anni come operatore delle forze di polizia ho visto (e continuo a vedere) ragazzi e ragazze rovinati prima dalla cannabis e poi dalle "cure" psichiatriche.

La sua amica è ancora in tempo: non condanni suo figlio a una vita di miseria, chimicamente lobotomizzato dagli antipsicotici.

Somministrare queste pozioni medievali ai nostri ragazzi significa condannarli per sempre.









NOTA BENE:
Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.
Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.
Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.
Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".
Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.
Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.
E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.
E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.
E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.
Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.
Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.
Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.
Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.
E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.
Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).
Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.
Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.
La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.
Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.
Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.
Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.
Grazie di cuore
Pietro Bisanti
Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.
Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.
Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com
Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.
Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.
Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti
ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO
ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.








martedì 22 luglio 2014

MI TOLGONO MIA FIGLIA E MI IMPICCO: LE COSE NON SONO SEMPRE COME APPAIONO


SERINO - Tragedia questa mattina in via Grimaldi. Un donna moldava di 37 anni

si è impiccata nella sua abitazione.
La signora era sposata con un serinese ed aveva una figlia di cinque anni. A lanciare l'allarme è stato il marito, ma, quando i carabinieri e i sanitari del 118 sono giunti sul posto, per la donna non c'era più nulla da fare. La donna soffriva di depressione da quando i servizi sociali le avevano tolto la figlia di cinque anni per affidarla ad una casa famiglia.

Fonte: www.ilmattino.it



RISPOSTA

Come dico sempre, potrei sbagliarmi, eppure sento il fetore degli antidepressivi SSRI e SNRI.

Questo è il link dell'articolo che scrissi il 15.03.2013, dal titolo "PSICOFARMACI E SUICIDIO PER IMPICCAGIONE".

5565 visualizzazioni nell'arco di un anno qualcosa vogliono dire.

Questa mattanza non si fermerà fino a quando non ci sveglieremo tutti.


NOTA BENE:



Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO

ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.

PUNTORONE DEPOT DI XEPLION 150 E TREDICI RICOVERI: PER TOGLIERMI LE ALLUCINAZIONI, MI STANNO DISTRUGGENDO IL CERVELLO

LETTERA

Buongiorno non avevo Internet,  settimana prossima le mando il bonifico, il mio indirizzo è **********

Le spiego in breve la mia situazione, nel 2009 ero in Thailandia a praticare la muay thay e lì ho cominciato ad avere allucinazioni visive ed uditive, ho creato dei problemi, nella mia mente vedevo scene di guerra e diventavo violento. Dopo aver preso a ginocchiate e gomitate una macchina mi hanno ricoverato le forze dell'ordine thailandesi in una specie di psichiatria.

In Australia ho avuto il secondo ricovero, e in Italia altri 13 anche se non ho mai creato problemi alla proprietà altrui ma sempre in base alle allucinazioni che ho.

Purtroppo io nella mia mente vedo scene di guerra e di tortura e sto male, vomito, divento aggressivo e per lo più me la prendo con la mia famiglia che non sa come aiutarmi.

Adesso mi stanno dando xeplion 150 ml ogni 28 giorni che letteralmente mi distrugge il cervello, non ho più le visioni perché semplicemente mi stanno distruggendo l'immaginazione, con tutti i farmaci che mi hanno dato mi hanno distrutto a livello prima fisico (facevo molto sport), e adesso anche mentale (fatico a leggere, a scrivere e a concentrarmi).

Pagherei per non avere più le allucinazioni senza psicofarmaci, adesso spero con il suo libro con un'alimentazione vegana di risolvere il mio problema.

Grazie e buon lavoro.

F.to **********


RISPOSTA

Buongiorno *****,
ci siamo già sentiti, ma comunque preferisco garantirle l'anonimato, in assenza di una specifica autorizzazione.

Cosa posso aggiungere?

Questo è l'emblema della disfatta psichiatrica.

Io non so se alla base della sua condizione possa esserci stato un uso/abuso di sostanze stupefacenti (anche se, francamente, sono portato a pensarlo).

Quello che sta succedendo ora però è ancora peggio.

Infatti, non si guarisce nessuno somministrando sostanze come l'antipsicotico depot  Xeplion (quindi una sola puntura a lento rilascio che dura 28 giorni), che non fanno altro che lobotomizzare chimicamente il cervello di un altro essere umano.

Tutto deve puntare a ristabilire un equilibrio organico e psicologico, e questo non lo si fa certo aggiungendo/sostituendo droghe legali a quelle illegali.

Ora, non immagino lontanamente quanti farmaci abbia assunto nel corso della sua vita.

Io sono un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità, ma sono obbligato a metterla in guardia riguardo all'estrema difficoltà nello scalare un farmaco potente come lo Xeplion, soprattutto poiché è un depot, che funziona quindi a lento rilascio.

Senza contare, poi, la tossicità interna accumulata in anni di psicofarmaci.

Tutto è possibile, ma qui bisogna letteralmente andare con i piedi di piombo.

Scalaggio lentissimo e miglioramento graduale e rigoroso dell'alimentazione, con punte altissime di crudismo e una percentuale di grassi che si attesti sul 10%.

Prepararsi a soffrire come un cane, ed avere l'aiuto, obbligatorio del proprio nucleo familiare, altrimenti, alla prima crisi, si finisce di corsa al pronto soccorso, con la somministrazione coatta di ulteriori farmaci.

Grazie, infine, per l'acquisto del libro: leggerlo significa capire. E solo avendo capito, si può scegliere la strada da percorrere.

Ci aggiorniamo via mail.

Forza e coraggio.


NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.



ZOLOFT, EN E UNA MAREA DI ANTIDEPRESSIVI: MARESCIALLO DELLA GUARDIA DI FINANZA INTRAPPOLATO DALLA PSICHIATRIA

LETTERA

Gentile collega, mi permetto di chiamarti così anche se sono un maresciallo 
della GdF.
Seguo con interesse ed ammirazione il tuo blog e quello di Valdo Vaccaro, due 
splendide testimonianze di quanto ancora di sincero e buono esiste al mondo. Ti 
scrivo questa lettera perché ho bisogno di consigli.
Assumo zoloft 50 mg. da 3 mesi e en 1 mg. da 4 anni, per devastanti attacchi 
di panico e un'ansia cronica che mi ha colpito. Le cose non migliorano, me li 
hanno proposti quasi tutti gli ssri (prozac, efexor, agomelatonina, anafranil,
cipralex), ma l'ansia resta e gli effetti collaterali mi devastano..
Ti prego di dirmi cosa posso fare per uscire da questo tunnel, come dismettere 
evitando le terribili crisi astinenziali da tossicodipendente. Conosci uno psi 
di ****** veramente bravo per tirarmi fuori dai farmaci? 
Rivorrei la mia vita, senza questa dipendenza. Puoi indicarmi inoltre 
praticamente come impostare una dieta senza glutine, caseina, carni e pesce, 
uova, dalla colazione alla cena?
Attenderò con ansia una tua cortese risposta, assicurandoti fin da ora che 
sarò di certo un acquirente del tuo libro a prescindere dalla tua risposta o 
meno.

Firmato *****


RISPOSTA

Caro Collega,
intanto grazie per aver deciso di condividere la tua esperienza.

Ti ho garantito il totale anonimato, considerate anche le nostre regole interne di stampo medievale, per cui, se hai un pistola e soffri di un qualunque "disturbo psichiatrico", sei segnato per sempre.

Veniamo a noi.

Come dico sempre, via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.

La moderna psichiatria non risparmia proprio nessuno: ricchi, poveri, belli, brutti, potenti e famosi.

Pur non conoscendo la tua storia personale, in generale l'approccio alla psichiatria è sempre lo stesso.

Si comincia a manifestare un qualunque disturbo, ed ecco che il dottorone di turno comincia la sua carrellata di farmaci: prenda questo, aggiunga questo, due gocce in più di questo etc...

Nemmeno un minuto per scandagliare a fondo l'essere umano che si ha davanti, per tentare di capire se possa esserci (e quasi sempre c'è) anche o solo una causa organica alla base del disturbo manifestato.

Si comincia con i farmaci, e dopo poche settimane si è incatenati per sempre.

Ora, caro collega, non posso indirizzarti da nessuno.

Non perché soffra di manie di protagonismo, ma perché non conosco alcun psichiatra che si sognerebbe di scalarti i farmaci quando stai ancora male.

Gli psichiatri sono riluttanti allo scalaggio, preferendo, anche per pararsi le chiappe, che il loro paziente rimanga ancorato a una dose per sempre.

Quindi, ai sensi dell'art. 32 della nostra Costituzione, se vuoi uscirne dovrai fare tutto da solo.

O meglio, io sono qui per aiutarti in tutto, ma come tu ben sai non ho l'autorizzazione legale di curare nessuno.

Infatti, nessuno cura nessuno: sarà il tuo corpo a curare se stesso, allorquando comincerai finalmente a trattarlo non come un bidone dell'immondizia ma come una reliquia.

Quindi, cosa bisogna fare?

Scalaggio lentissimo, di un farmaco per volta, associato ad un graduale cambio alimentare.

Aspettarsi, perché arriveranno, le temute crisi eliminative e di dismissione, che nel caso degli antidepressivi SSRI e delle benzodiazepine possono essere veramente, veramente forti.

Dovrai avere l'appoggio incondizionato del tuo nucleo familiare, e capire che qualunque crisi, di qualunque potenza, è destinata a finire, e a lasciarti più "disintossicato" di prima.

Il tuo corpo, infatti, nel momento in cui comincerai a scalare, cercherà piano piano di tornare a uno stato di equilibrio, e questo comporterà, immancabilmente, tutta una serie di sintomi, anche molto, molto sgradevoli.

Io sono qua per accompagnarti. Per tutte le tue altre richieste, ci aggiorniamo via mail, incluso il libro, che veramente deve essere letto prima di cominciare questa "avventura".

Non mollare collega, che ne usciremo. Forza e coraggio


NOTA BENE:


Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.

venerdì 18 luglio 2014

ADOTTO UN BAMBINO E POI LO AMMAZZO: FARMACI DEMONIACI, AVETE PRESO UN'ALTRA VITA


Omicidio a Pescara, 47enne Massimo Maravalle uccide il figlio di 5 anni

Ancora una tragedia familiare a Pescara. Un 47enne, Massimo Maravalle, tecnico informatico, ha ucciso il figlio nella notte soffocandolo con un cuscino. L'uomo soffriva di psicosi. La famiglia vive in via Petrarca.

AGGIORNAMENTO ORE 13 La Procura di Pescara ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di omicidio aggravato per Massimo Maravalle. Inoltre, gli inquirenti verificheranno anche tutta la pratica di adozione del piccolo Maxime, di origini russe. A quanto pare infatti, la Procura vuole vederci chiaro in merito allo stato di salute mentale dell'uomo, che era in cura per una forma di psicosi. Per questo ora verranno valutati e riletti tutti gli atti che hanno portato all'adozione del piccolo. La madre, avvocato noto a Pescara, è stata soccorsa poco fa dal 118 in Questura, dove ha avuto un crollo fisico dopo aver avuto, nelle prime ore, un comportamento molto composto e lucido.
AGGIORNAMENTO ORE 10.15 La madre del bambino è un noto avvocato pescarese, mentre l'uomo lavorava nel settore dell'informatica. Secondo i racconti delle persone che conoscevano la coppia, l'uomo era molto premuroso con il bimbo e non aveva mai dato, almeno in pubblico, segni di squilibrio psichico.
Il delitto è avvenuto in un appartamento di via Petrarca. La madre ha chiamato il 118, che una volta sul posto ha sospettato un omicidio ed ha allertato la Polizia. L'uomo, condotto in Questura dalla Squadra Mobile, ha poi confessato dicendo di aver avuto un raptus di follia.
La moglie si è accorta che il marito verso l'una era sveglio e vagava in stato confusionale a casa. Poi è andata in camera del bimbo, ed ha notato che non respirava. Dopo aver chiamato i soccorsi, è arrivata sul posto anche la Polizia. L'uomo era molto freddo e distaccato, ed ha semplicemente detto che il piccolo non stava bene. La notte precedente, il bambino dormiva nel letto in mezzo ai genitori, ed è stato svegliato di colpo dal padre che temeva si stesse sentendo male, ma in realtà non c'era nessun problema. Da tempo Maravalle era in cura per una forma di psicosi, ed aveva interrotto autonomamente il trattamento farmacologico. Il bimbo era stato adottato nel maggio 2012.
Sul corpo, il medico legale ha trovato una ecchimosi dietro l'orecchio, compatibile con il soffocamento. Ora il Pm deciderà se far eseguire l'autopsia.
La famiglia, i vicini e i parenti sono sotto choch. L'uomo tutt'ora non ha mostrato segni di pentimento o sofferenza. E' accusato di omicidio aggravato.

COMMENTO

Antidepressivi SSRI ed SNRI sento il vostro fetore.

"Da tempo Maravalle era in cura per una forma di psicosi, ed aveva interrotto autonomamente il trattamento farmacologico".

"L'uomo tutt'ora non ha mostrato segni di pentimento o sofferenza. E' accusato di omicidio aggravato".

Ora, utilizziamo tutti i neuroni che Madre Natura ci ha fornito e cominciamo a ragionare.

Via la lobotomizzazione, e vediamo le cose per quello che sono.

Quest'uomo, in cura psichiatrica, aveva interrotto il trattamento di inziativa.

La sospensione di questa categoria di farmaci (sono fermamente convinto che stesse assumendo un antipsicotico in combinazione con un antidepressivo SSRI/SNRI) è il momento più pericoloso, quello durante il quale si è più soggetti a sviluppare istinti suicidiari e/o omicidiari.

Si diventa di pietra, insensibili a tutto e tutti. Uccidersi od uccidere diventa un'urgenza, ma al tempo stesso la "cosa" più naturale del mondo.

Sono più di tre anni che in qualità di operatore delle Forze di Polizia con una ventennale esperienza e di ricercatore indipendente del mondo della salute mentale da 14 anni, grido a squarcia gola cosa siano esattamente gli psicofarmaci e come essi siano la principale causa dell'epidemia di violenza insensata, immotivata, bestiale e demoniaca.

Un padre fa di tutto per adottare un bambino e poi lo ammazza nel sonno?

Ora in galera ci è andato lui, mentre in realtà i veri responsabili sono e rimangono queste molecole invasive, infiltranti, malvagie.

Un bambino è morto, una famiglia è distrutta, e ora un padre passerà la propria vita in galera o, ancora peggio, in qualche ospedale psichiatrico giudiziario, dove la cura sarà sempre la stessa: psicofarmaci.

Questa è solo la mia umile opinione. Vorrei tanto sbagliarmi. 

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO

ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.




ANORESSIA NERVOSA, ZOLOFT PER QUATTRO ANNI: CICLO MESTRUALE SPARITO.

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "QUANDO IL "MALATO" E' CONVINTO DI STARE "GUARENDO"...": 


Se può valere qualcosa la mia umile esperienza.. ho preso uno psicofarmaco (zoloft) per 4 anni a causa dell'anoressia nervosa. Non ho avuto il ciclo mestruale per sei anni. Grazie all'alimentazione vegana è tornato e l ultima scatola di zoloft è stata buttata nel pattume ancora piena, nel 2011. 
Madre natura sa come provvedere a noi, se noi provvediamo a lei. 

Postato da Anonimo in ALIMENTAZIONE E SALUTE di PIETRO BISANTI alle 30 giugno 2014 18:20


RISPOSTA


Buongiorno Anonima,
la sua "umile" esperienza vale eccome.

Mi viene subito in mente una riflessione...

Come diavolo si fa a pensare di guarire una condizione grave come l'anoressia nervosa (dove, alla base c'è sicuramente una sommatoria della tossicità fisica/organica con quella puramente psicologica e ambientale) aggiungendo ulteriore tossicità attraverso la somministrazione di un farmaco di totale sintesi chimica creato in laboratorio?

L'anoressia, come tutti gli altri "disturbi" mentali, è e rimane un sintomo, che non va assolutamente aggredito ed estirpato a suon di bombe chimiche, bensì capito, compreso, ascoltato e indirizzato, mettendo il corpo nelle condizioni di autoguarirsi.

Il binomio da me coniato "cibi puliti-pensieri puliti" significa solo una cosa: guarire dai disturbi mentali è la giusta sinergia tra un'alimentazione impeccabilmente adattata al nostro essere umani (e quindi, quella vegana il più crudista possibile) e la giusta dose di amore e comprensione, che mai e poi mai dovrà diventare assistenzialismo, poiché, nella vita, ognuno di noi deve essere messo in grado di poter affrontare i problemi che di essa sono parte integrante.

Tutto il resto è solo chimica che, presto o tardi, porterà il proprio conto da pagare. E sarà molto, molto salato.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:

-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti.
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO

ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


lunedì 14 luglio 2014

PAROXETINA, MIRTAZAPINA E UNA PANCIA DA MONGOLFIERA: PSICHIATRI, NON CAPITE PROPRIO UNA MAZZA

DAL FORUM DI ALIMENTAZIONE E SALUTE "http://alimentazioneesalute.forumfree.it/"

Ciao, ho 47anni e chiedo il vostro aiuto: sto assumendo MIRTAZAPINA da oltre un anno, perché non riuscivo piu' a prendere sonno. Per me la sera era diventata un incubo, paura paura e ancora paura di addormentarmi, ancora adesso alcune sere se mi assopisco mi sveglio di colpo con la sensazione di perdita del controllo e panico. Sono anni che continuo ad avere un blocco alla gola, a volte diventa una vera paura di deglutire, mi manca l'aria..... Ho iniziato tanti anni fa con gli antidepressivi, tolgli metti continui.

Poi un tot di anni con la PAROXETINA che mi ha fatto lievitare di peso..... piano piano sono riuscito a toglierla con fatica ed effetti collaterali vari. Poi il ritorno all'improvviso delle paure, attacchi di panico e ansia e paura di addormentarmi, fino al ritorno dalla psicologa e dalla psichiatra la quale mi ha prescritto appunto la MIRTAZAPINA..... sono aumentato di peso, molta pancia, sono svogliato ho la pressione alta (assumo un farmaco da tre mesi). Non mi accetto, vorrei il mio bel fisico vorrei non avere piu' paure di tutti i generi e soprattutto vorrei togliere definitivamente gli antidepressivi, ma come? E se ci ricasco? E se aumentano i nodi in gola? Insomma, chiedo aiuto a voi, vi ho scoperto per caso e sicuro che il caso non viene per nulla, mi affido a voi, Grazie di Cuore... F.TO JEAN


RISPOSTA

Ciao Jean,
sei arrivato nel posto giusto.

Questo piccolo uomo che ti scrive non è medico, e non ha alcuna laurea appesa in ufficio.

E di questo me ne vanto, se laurearsi in medicina e specializzarsi in psichiatria significa diventare semplicemente un prescrittore di molecole demoniache, come ormai è di prassi.

Veniamo a noi. Apri le orecchie, perché nessuno psichiatra o psicologo al mondo ti dirà mai che quello che a gran voce si urla in questo blog da anni.

Gli psicofarmaci che hai assunto e che stai assumendo non hanno curato un bel nulla di niente.

Gli psicofarmaci, quando va bene, sopprimono infatti la sintomatologia, sconquassando il corpo e l'anima di chi li assume.

E quando si tenta di scalarli, mostrano la loro vera natura: tutto torna come prima, anzi peggio, con l'aggiunta della loro tossicità e delle crisi di astinenza pari (se non superiori) alle più potenti droghe da strada.

20 anni di servizio quale operatore delle Forze di Polizia e 14 come ricercatore indipendente del mondo della salute mentale e non posso portarti nemmeno UN SOLO esempio di persone guarite definitivamente da un disturbo psichiatrico grazie agli psicofarmaci.

Invece, ogni qualvolta ho avuto a che fare con tali molecole, ho visto solo morte, dolore e distruzione.

Non conosco la tua storia e quindi non so la motivazione per cui ti era stata prescritta la paroxetina, uno dei principi attivi antidepressivi più difficili da dismettere.

Ma è accaduto anche te ciò che accade a tutti nel momento in cui si prova a dismetterla: si è scatenato l'inferno.

E la tua blasonata psichiatria, al posto di spiegarti che ciò che ti stava succedendo altro non era che una crisi da dismissione, ha optato per fare l'unica cosa di cui è capace: cambiarti farmaco.

Tutti i sintomi che hai, invece, sono semplicemente fisici, non sono nella tua testa.

Il nodo alla gola, le paure, l'aumento di peso: tutto è direttamente ricollegabile a una crisi di dismissione, che altro non è che il tentativo del corpo di tornare a una situazione di equilibrio, detta "omeostasti", una volta eliminati gli psicofarmaci.

E la tua psichiatra avrebbe dovuto dirti che le crisi da dismissione passano, e quando passano si è veramente guariti, con la condizione di aver sradicato per sempre le motivazioni che ti hanno portato ad assumere psicofarmaci.

E come sempre, la prima cosa da guardare è ciò che si mette in bocca.

L'alimentazione è il fattore scatenante (a volte anche l'unico) della maggior parte delle malattie mentali oggi esistenti.

Quindi. Due cose: leggi in lungo e largo tutti gli articolo di questo blog, gratuitamente a disposizione, e procurati una copia del mio libro "Assassini in pillole: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

La consapevolezza è l'unica arma vincente.

Vediamo, ancora una volta, i peggiori nemici della nostra psiche:
-Carne, pesce e proteine animali: causano putrefazione al livello del colon, che è il nostro secondo cervello e il luogo dove si producono i neurotrasmettitori celebrali. Intestino in putrefazione=depressione.
-Zuccheri raffinati: in primis il famigerato saccarosio (zucchero bianco) da tavola: favorisce picchi glicemici che possono portare falsa euforia e conseguente stato depressivo; sballa la produzione di testosterone nell'uomo e interferisce con la normale produzione ormonale; sottrae preziose sostanze nutritive al corpo umano, in quanto è un alimento morto che necessita di enzimi per essere digerito.
Nessuno sconto a zucchero di canna grezzo e non in quanto si tratta sempre e comunque di alimenti raffinati, morti e sepolti.
Non pensate che sia innocuo solo perché lo vendono al supermercato: è una sostanza chimica che di naturale non ha nulla, potente, dannosa e catastrofica per chi ne è particolarmente suscettibile.
Bocciati senza riserve anche tutti gli edulcoranti, capeggiati dall'aspartame.
-Metalli pesanti: mercurio, alluminio. Il peggio del peggio. Occhio alle amalgame dentali, che causano una continua e incessante intossicazione all'organismo. Il mercurio è risaputo per creare stati mentali che  possono arrivare alla schizofrenia.
-Bibite gassate: quando ingurgitate una lattina di coca cola non fate altro che bere, assieme ad essa, una quantità di saccarosio impressionante. Lo stesso vale per tutte le altre bibite in lattina.
-Glutine e caseina: i cereali non sono cibo per tutti. Non sono cibo nato per l'Uomo, bensì per i granivori. L'intolleranza al glutine è ormai considerata un'epidemia su scala mondiale, mentre in realtà è la diretta conseguenza della normale reazione del corpo umano all'introduzione di una proteina a esso incompatibile e sconosciuta.
Sono associati al glutine diversi stati mentali: dalla depressione agli stati immotivati di rabbia, fino alla psicosi.
La caseina, veleno pari alle proteine animali, ha in più il difetto di essere un grande allergene e di incollarsi ai villi intestinali e di non permettere quindi la normale assimilazione dei cibi.
La rimozione del glutine e della caseina in bambini con autismo sta dando risultati impressionanti.
-Vaccinazione: i vaccini sono forse il peggior insulto che può essere fatto a un essere umano. Metalli pesanti, DNA umani e animali. Un insieme di porcherie di cui non vale nemmeno la pena ribadire la tossicità.
-Farmaci: moltissimi farmaci agiscono sui recettori nervosi pur non essendo definiti "psicofarmaci": dagli antistaminici alla pillola per la pressione; dal farmaco contro la tosse a quello per il mal di testa.
-Denti devitalizzati: un dente devitalizzato è un'appendice morta tenuta attaccata al corpo con la forza. È come se volessero tenervi attaccato un dito putrefatto. La proliferazione incontrollata di tipo batterico, dovuta al marciume presente in una zona così delicata come quella del viso-cranio, può drenare le capacità di reazione del sistema immunitario portando stati depressivi anche gravi.
-caffè, sigarette, alcolici, sostanze stupefacenti.

NOTA BENE:

Tre anni ininterrotti di impegno e sacrifici hanno portato questo blog a diventare un piccolo faro nella notte per quanto riguarda l'igienismo naturale e l'alimentazione vegana in relazione a tutto quello che concerne il mondo della salute mentale.

Siamo partiti da zero e in tutto questo tempo tante persone hanno finalmente capito come esista un'alternativa ad imbottirsi di sostanze chimiche non meglio identificate, che uccidono il corpo e addormentano l'anima.

Gli psicofarmaci sono e rimangono pillole assassine.

Il libro è finalmente pronto. "ASSASSINI IN PILLOLE: la psichiatria moderna vista con gli occhi di un carabiniere".

Cosa leggerete? Leggerete tutto quello che nessuno psichiatra vi dirà mai.

Cosa sono veramente gli psicofarmaci, la facilità con cui vengono prescritti, il fallimento totale della psichiatria moderna.

E ancora...il lato oscuro degli psicofarmaci, che trasformano persone comuni in stupratori, assassini di se stesse e degli altri.

E ancora...le alternative "non violente", legate allo stile di vita e alimentare, per arrivare a risolvere un problema e non a mascherarlo.

E ancora...lo stretto legame tra ciò che mangiamo e come ci sentiamo, anche a livello mentale.

Tutto questo visto da un operatore di polizia, che da 20 anni osserva con i propri occhi lo sfacelo che la psichiatria moderna ha portato e tuttora porta nella vita delle persone.

Senza dimenticare la dismissione dai farmaci, per molte persone l'inferno sceso in terra, e la psichiatria negli anziani. C'è tanto, tanto da leggere.

Questo blog continuerà la sua opera pienamente gratuita di supporto a tutti quelli che ne avranno bisogno.

Acquistare il libro deve quindi essere una scelta personale e consapevole, sapendo però che ogni copia venduta significherà aiutare questo piccolo uomo in quest'opera informativa senza precedenti.

E chiunque assuma psicofarmaci, attraverso la sua lettura potrà finalmente capire che esiste una via alternativa alla lobotomizzazione perenne.

Il libro uscirà in due versioni: Ebook (al prezzo di 8 Euro) e cartacea (al prezzo di 16 Euro).

Nessuna casa editrice. Tutto in self-publishing.

Chiunque sia interessato, può scrivere a pbisant@hotmail.com e vi verranno fornite le coordinate bancarie per il pagamento.

La data finale di uscita è il 30 giugno 2014: chi ha scelto la versione cartacea, la riceverà all'indirizzo evidenziato; chi ha scelto quella su ebook, riceverà link e autorizzazione al download.

Ringrazio tutte le persone che continuano a scrivermi e a starmi vicino.

Questo è solo l'inizio e vi prego di divulgare il più possibile.

Con l'aiuto di tutti so che arriveremo molto, molto lontano.

Grazie di cuore

Pietro Bisanti


Per tutti: si può fare una donazione al blog mediante l'apposita funzione nella colonna a destra, oppure scrivendo a pbisant@hotmail.com. Grazie a chi vorrà contribuire a questo enorme e innovativo lavoro informativo.

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti



ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO

ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.