ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo Capo dell'Arma dei Carabinieri (dal 24.09.1994 al 31.12.2017), ora docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

venerdì 30 ottobre 2015

LAMICTAL INSOPPORTABILE. VITAMINA D O SERPLUS PER CURARE LA DEPRESSIONE? NESSUNO DEI DUE!

Buongiorno sig. Bisanti,
la contatto per congratularmi con lei per i suoi articoli, il suo blog che ho letto attentamente riguardo gli psicofarmaci e la psichiatria, condivido tutto.. Lei ha perfettamente ragione, le dico questo in virtù della mia esperienza personale..

E a tal proposito dato che io il lamictal che mi hanno dato come stabilizzatore dell’umore non lo sopporto più a causa degli effetti collaterali che mi sta causando, e lei mi sembra ben preparato sull’argomento, volevo chiederle un consiglio, cosa pensa della vitamina D portata a 80 ng/ml per curare la depressione, ormai è provato scientificamente che portata a quel dosaggio ematico ha un potente effetto antidepressivo e serotoninergico. Però gli psichiatri non lo dicono, perché non gli conviene, la vitamina D è mutuabile e non costa quasi niente.. 

Ho parlato con uno specialista di Trento, (non psichiatra) che la utilizza per curare questa presunta depressione, sempre che questa diagnosi esista davvero... e poi il mio medico di famiglia mi ha consigliato il Serplus un integratore, (alfalattoalbumina) che stimola la serotonina cerebrale attraverso il triptofano intestinale, cioè cura i sintomi attraverso l’intestino..
Lei cosa ne pensa, me li consiglia? Meglio la vitamina D o il Serplus (che ha un costo alto)..
la ringrazio, spero di ricevere un suo consiglio.
Distinti saluti,

Firmato Antonio

RISPOSTA

Buongiorno sig. Antonio,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Cerchiamo prima di tutto di capire alcuni concetti base.

Primo: tutte le cosiddette "patologie psichiatriche" altro non sono che veri e propri sintomi fisici, che possono avere una base psicologica/organica/ambientale o tutte e tre.
Le faccio un esempio...

Se sono intollerante al glutine (e chi più chi meno, tutti lo siamo, essendo i cereali un cibo designato da Madre Natura per i granivori e non per gli esseri umani), avrò grande possibilità di sviluppare anche sintomi evidenti nella sfera psichiatrica, che saranno esacerbati se già, magari, ho grossi problemi economici (e questo non vuole dire che se non li avessi, non svilupperei comunque problemi mentali legati al glutine).

Secondo: tutti gli effetti definiti "collaterali" sono e rimangono effetti a tutti gli effetti del farmaco, anche se non voluti.

Terzo: NON SI GUARISCE soffocando i sintomi, che questo venga fatto con un farmaco o con un integratore.

Alte dosi di vitamine non fanno altro che "dopare" il corpo, dando, come nei farmaci, una illusoria sensazione di benessere, pronta a crollare una volta interrotta la sostanza di turno.

E qui le pongo una domanda... Se non esistessero la vitamina D sintetica o il Serplus, lei sarebbe destinato a stare male per sempre?

Direi proprio di no...

La guarigione, infatti, passa solo ed unicamente attraverso un riequilibrio totale della propria parte fisica, e conseguentemente di quella spirituale.

Ho coniato il termine "cibi puliti=pensieri puliti"; uno non può prescindere dall'altro.

Quindi, se fossi in lei, mi occuperei immediatamente di rafforzare il mio corpo fisico attraverso uno scalaggio graduale del farmaco (consiglio il 10% al mese) e la "conversione" verso un'alimentazione vegana, a ZERO glutine, a bassissimo tenore di bassi, crudista quanto basta.

Tutto questo da farsi con altrettanta moderazione e progressione.

Non ci sono scorciatoie, non ci sono medicine miracolose, non ci sono intrugli magici: stare bene, fisicamente e mentalmente, passa attraverso quelle che sono le basi: alimentazione, esposizione al sole ed esercizio fisico.

Ci sentiamo in privato.

Avanti così

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.

DOPO 11 ANNI DI PSICANALISI E TRE DI PSICOFARMACI, "FINALMENTE" LA DIAGNOSI DI "SIMIL ASPERGER"

DAL SERVIZIO "CHATTA ORA" DEL BLOG DI ALIMENTAZIONE E SALUTE

A mio figlio di 24 anni dopo 11 anni di psicanalisi e poi 3 anni di psicofarmaci (ora viene trattato con Abilify, Sereupin e gocce di Haldol la sera) finalmente uno psicologo clinico ha diagnosticato un disturbo simil Asperger (2 settimane fa).

Ritiro sociale, timidezza, paura di essere rifiutato (ha subito qualche episodio di bullismo a 10 anni) non soffre di ritardi cognitivi: lo psicologo ha riscontrato ottima memoria, intelligenza vivace, eloquio fluido. Non ha amici, non riesce a studiare perché ha difficoltà di concentrazione (anche se si è diplomato con ottimi voti) ma non riesce più a studiare. Soffre della mancanza di una compagna.


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Mi perdoni se potrò sembrarle troppo "duro" nelle mie risposte, ma tutto quello che faccio lo faccio solo ed esclusivamente per cercare di svegliare coscienze troppo addormentate come la sua.

Abbiamo un ragazzo psicanalizzato per ben 11 anni, e dopo ulteriori tre di psicofarmaci si ritrova sempre al punto di prima. Questo non la porta a pensare, a ragionare che tutto quello che è stato fatto non ha minimamente indirizzato le cause alla base delle problematiche di suo figlio?

A che serve rivangare un episodio di bullismo accaduto a 10 anni? Lei pensa che questo possa portare strascichi a vita di natura psichiatrica così marcati?

Pur avendo il massimo rispetto per tutte le persone realmente devastate da pesantissimi traumi psicologici, non posso negare come si tralasci sempre e comunque il nostro "lato fisico".

Vaccinazioni, farmaci e alimentazione sbagliata sono le tre cause principali alla base del decadimento generale della salute (non solo mentale) di tutto il genere umano.

Se ne freghi delle diagnosi del dottorone di turno: nessuno sa il perché suo figlio non stia bene e nessuno a maggior ragione sa come "curarlo".

L'unico che sa cosa sta succedendo e come "aggiustarlo" è suo figlio stesso, attraverso l'innata intelligenza e saggezza del suo sistema immunitario.

Smettiamo di drogare letteralmente questo ragazzo con sostanze psicoattive potentissime come gli antidepressivi SSRI e gli antipsicotici: così non guarirà mai, anzi, non si farà altro che cronicizzare la sua già precaria situazione.

Legga attentamente questo blog, e cominci a sistemare il "lato fisico" di suo figlio: il resto verrà da sé.

Io ci sono


Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.

giovedì 29 ottobre 2015

LA LORO CAZZO DI FILASTROCCA: PRENDI LA TERAPIA, PRENDI LA TERAPIA, PRENDI LA TERAPIA...

Sono ****** e ho ***** anni e vivo da sola con 2 gatti persiani. Al mondo ho solo dei parenti e una sorella sposata più grande di me ma è come se non avessi nessuno. Ho deciso di scalare gli psicofarmaci da sola dopo aver letto tante cose, tante esperienze di altre persone sullo scalaggio degli psicofarmaci. 

Prendevo da 10 anni una pastiglia di sereupin al mattino e le gocce di serenase alla sera certi periodi 20 gocce certi periodi 15 gocce a seconda di come stavo il mio psichiatra me le ordinava. In 10 anni sono aumentata di peso vertiginosamente anche perché non lavoravo più e quindi non facevo più movimento non ho neanche la resistenza di fare una dieta che ho provato più volte inutilmente. 

Ora da un mese da 20 gocce di serenase ne prendo 10 e la pastiglia di sereupin da 20 mg sono arrivata a prenderne metà della metà proprio da oggi in avanti. Cerco di andare piano nello scalaggio anche se ho dimezzato in un mese perché non ne potevo più dalla rabbia dopo tutto quello che ho letto. 

Ho preso la depressione nell'ambiente di lavoro appunto 10 anni fa e sono stata costretta a licenziarmi perché stavo male e avevo tutti contro sul lavoro. In 10 anni ho fatto mi sembra 3 ricoveri e sono stata aiutata da un amica perché mia sorella se ne è lavata le mani anzi voleva mettermi in una casa famiglia perché secondo lei non sarei più riuscita a vivere da sola. 

Fra l'altro questa mia amica una volta mi ha fatto ricoverare che STAVO BENE, solo per aggiustare la terapia come diceva lei. Ho passato dei periodi che stavo male non ero capace di farmi da mangiare  o di stare da sola e volevo morire e non sopportavo la vita ho ripreso il lavoro ma dopo lo dovuto rilasciare. 

In 10 anni ho poi lavorato 1 mese all'anno in un'azienda dolciaria per il resto del tempo durante l'anno andavo al centro di salute mentale della mia città al mattino e prendevo la terapia prescritta. A dire il vero all'inizio nel 2006 ho preso altri psicofarmaci di cui non ricordo il nome sempre per la depressione per poi passare definitivamente al sereupin 20 mg e serenase 2 mg. 

Il sereupin so che è un antidepressivo a base di paroxetina e il serenase è un farmaco vecchio e invasivo un antipsicotico che io non so se ho anche la psicosi. Il mio psichiatra da tutti descritto come il più bravo, un primario di una casa di cura me li ha ordinati e vado da lui per una visita di controllo 1 volta alla anno con questa mia amica che ha 3 anni più di me e continua a ripetermi all'infinito di prendere la terapia perché  sa che qualche volta ho cercato di saltarla.

Da febbraio ho un lavoro di 4 ore al pomeriggio che mi hanno trovato i servizi sociali  un lavoro protetto faccio le pulizie in un'azienda e altri lavoretti all'inizio è stata dura ambientarsi perché sono molto timida e avevo paura  delle persone  tanto che prima di partire da casa mi veniva un'ansia terribile e ho dovuto prendere una pastiglia di Tavor da 1 mg poi mezza per un periodo. 

Adesso non la prendo più e sto scalando gli psicofarmaci da sola perché se lo dicessi al mio psichiatra non vuole scalari perché dice che li devo prendere per tutta la vita. In concomitanza con lo scalaggio sto prendendo al mattino 3 capsule dell'erboristeria che agiscono sul sistema nervoso  per essere un po' coperta e quando sarò arrivata a 5 gocce di serenase alla sera l'erborista mi da qualcosa con la melatonina per dormire e la serotonina per la depressione. 

Soffro di più la depressione in primavera infatti la primavera scorsa è stato terribile anche per il nuovo lavoro pur prendendo gli psicofarmaci stabiliti. Ora invece mi sono ambientata e vado al lavoro  volentieri ho voglia di vivere e di combattere non soffro di attacchi di panico e non ho più l'ansia so che posso vivere anch'io senza psicofarmaci come tutte le persone normali.  

So che ci vorranno tanti mesi per scalare e finora ho avvertito un po' di mal di testa e forse un po' di nausea i primi giorni. Io non ce la faccio a mangiare vegano crudista come ho visto che lei raccomanda nello scalaggio dei psicofarmaci. Una volta al mese vado al centro di salute mentale per il colloquio  con la psicologa ma a lei non dico dello scalaggio che sto facendo. Cordialmente la saluto e la ringrazio per i consigli  che vorrà darmi oltre al suo libro che sto aspettando. 

Inviato da Tablet Samsung.

Lettera firmata

Buongiorno Anonima,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Ormai non mi meraviglio più di niente. Da 14 anni sono un ricercatore indipendente di tutto ciò che riguarda gli psicofarmaci e la salute mentale, ma storie come la sua non possono non colpirmi.

Ci sarebbe da scrivere un manuale dal titolo "Come rovinare un essere umano".

L'hanno chimicamente lobotomizzata, isolata socialmente, per poi darle un lavoretto da "malata di mente" per sfruttarla fino alla fine.

La sua forza di volontà è incredibilmente ammirevole, ma voglio darle assolutamente dei consigli per non ricadere (o cadere ulteriormente) nelle mani dei suoi carnefici.

Lo scalaggio deve essere lentissimo, non più del 10% al mese, iniziando con un farmaco per volta (nel suo caso, l'antidepressivo).

L'alimentazione andrà assolutamente cambiata, e sarà la carta vincente.

Anche questo lo faccia con progressività, ma elimini subito zuccheri artificiali, glutine e latticini.

Su questo niente sconti, in quanto sono le sostanze più problematiche per ciò che concerne la salute mentale.

Non sarà facile, per nulla, anche perché non ha nessuno che la può fisicamente supportare, ma la sua determinazione l'ha fatta cominciare.

E io sono con lei.

Ci sentiamo in privato

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.

DISCOPATIA E STEROIDI A MANETTA: COLON IRRITABILE E ARTRALGIE DIFFUSE


DAL SERVIZIO DEL BLOG "CHATTA ORA"

Ciao! Sono Emanuela. Ho passato un anno difficile per una discopatia e poi un incidente con colpo di frusta. Gli effetti degli steroidi, integratori e stress sono stati colon irritabile e artralgie. Ho 32 anni e ho deciso di cambiare. Dopo 3 mesi di transizione sono al punto in cui mangio cotto solo a cena. Ora da 15 giorni ho delle parestesie al volto, abbastanza simmetriche che sono partite dallo zigomo e fatto il giro per il naso convergono verso le orecchie. In più formicolii blandi a gambe e braccia. Mai muco mai un raffreddore e invidio le mie coinquiline tutte febbricitanti. Tu credi sia un effetto eliminativo? Mangio frutta quasi per 2 kg e insalata prima delle verdure o piatto senza glutine. In questi giorni ho l'umore nero e non riesco a mangiare molto, vado giù di peso, ma ho una repulsione per la frutta. Non mi sono mai sentita in forma in questi 4 mesi, ma ora sto ai minimi. Che mi consigli? Grazie, Emanuela


RISPOSTA

Buongiorno Emanuela,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.


Veniamo a noi.

Non è sempre facile riconoscere un effetto che sia la causa diretta di una crisi eliminativa, oppure di altro.

Quello di cui sono convinto è che intrapresa la giusta strada, bisogna semplicemente andare avanti senza mai demordere, sapendo che il corpo, alla fine, a meno di situazioni ormai inevitabilmente compromesse (e questo non è sicuramente il tuo caso), saprà ritrovare l'equilibrio perduto (e solo il nostro organismo può comunque farlo).

Logico è che la medicina convenzionale rimane assolutamente utile nei casi emergenziali da pronto soccorso, oppure quando effettivamente vi è una origine traumatica che necessita di un intervento (e sul blog mai mi sono permesso di demonizzare questo aspetto).

Quindi, avanti così, ma alcuni consigli mi permetto comunque di darteli.

Vai avanti a zero glutine, ma se ti accorgi di non avere miglioramenti, elimina totalmente tutti i cereali e tutti i legumi.

Cerca di tenere il livello di grassi molto basso, le cui calorie giornaliere non devono coprire più del 10% del totale.

Questo è indispensabile per far sì che tutta la frutta che mangi si trasformi prontamente in energia, e che l'insulina non venga ostacolata dal sangue troppo grasso.

Quindi modera tantissimo frutta secca e soprattutto gli oli vegetali, che se puoi, escluderei totalmente.

Avanti così e tienimi aggiornato.

Pietro Bisanti


Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.

DISFUNZIONI SESSUALI POST SSRI: UOMINI E DONNE, NON DITE CHE NON VI AVEVO AVVERTITO

LETTERA

Caro Pietro
(perdonami se mi permetto di darti del tu) mi chiamo ****** e sono un ragazzo di 26 anni affetto da pssd.
Ho letto che sei in procinto di pubblicare un libro riguardo gli abusi della psichiatria.
Ebbene quello che ti vorrei raccontare non è solo la mia storia, ma quella di altre persone che, a causa di questa sindrome e del rifiuto di aiutarle da parte degli stessi medici che le avevano messe in questa condizione, si sono tolte la vita.
Non credo che questo sia il posto giusto per parlare di argomenti così delicati; io sono di **** e se ti potrebbe interessare, anche in vista delle tue pubblicazioni future, mi piacerebbe incontrarti per narrarti questi fatti.
Aspetto una tua risposta.

Lettera firmata


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.  

Ho più volte trattato nel blog le devastanti ripercussioni sul lato sessuale conseguenti all'assunzione degli antidepressivi SSRI e SNRI.

Problematica, questa, tanto diffusa quanto (soprattutto in malafede) tenuta nascosta o addirittura negata dagli psichiatri stessi anche davanti alla più manifesta evidenza.

Gli antidepressivi SSRI e SNRI DISTRUGGONO LA VITA SESSUALE DI UOMINI E DONNE, ANCHE A SEGUITO DELL'ASSUNZIONE DI UNA SINGOLA DOSE.

Non ci vogliono studi scientifici, basta osservare il disastro generalizzato di storie tutte simili.

Uomini impotenti, donne incapaci di lubrificarsi o di raggiungere un orgasmo.

Questa è la mostruosa situazione.

Il mio libro è già uscito e tratta abbondantemente anche questo aspetto, che studio da moltissimi anni.

Cosa fare ora?

La regola è sempre la stessa.

Prima di tutto, buttare nel WC tutte le porcherie chimiche che si stanno assumendo, avendo cura di effettuare uno scalaggio lento e costante così come descritto in questo blog.

Seconda cosa, smettere di affidare la propria salute agli stessi cialtroni che ve l'hanno distrutta. Loro hanno una vita sessuale e voi no, e continuate ad ascoltarli?

Terza cosa, avere massima fiducia nelle capacità autoguaritive del corpo umano,  fermi nella convinzione che il "corpo non va mai contro se stesso".

Il giorno stesso che smetterete gli antidepressivi, il vostro organismo cercherà di tornare in omeostasi, cioè in equilibrio, anche dal punto di vista sessuale.

Quello che possiamo e dobbiamo fare è mettere il nostro corpo nelle migliori condizioni per fare quello che sa fare meglio, e cioè autoguarirsi.

ALLA LARGA da ulteriori terapie per cercare di ritrovare forzosamente la sessualità perduta. Se e quando tornerà, lo deciderà il vostro organismo, l'unico in grado di sapere esattamente cosa si sia "rotto" e come "sistemarlo". Rischiereste alla fine solo di aggiungere tossicità a tossicità.

L'alimentazione la fa quindi da padrona: il veganismo a ZERO glutine (e se serve, zero cereali e legumi) a basso tenore di grassi è il massimo che si possa fare per aiutare il proprio corpo a ritrovare l'equilibrio perduto.

Ci sentiamo in privato. Sono disponibile a un incontro come da te richiesto.

Forza e coraggio
Pietro Bisanti



Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.

martedì 27 ottobre 2015

DIETA VEGANA E GRANDI MIGLIORAMENTI: COSA NE PENSI PIETRO DEI VACCINI PER I CANI E DELLE CROCCHETTE? E CHE SUCCEDE SE VOGLIONO FARMI UN TSO?

LETTERA

Ciao Pietro, stai facendo un lavoro immenso! Grazie!

Sono *********, di ********, ci dovevamo sentire al cell stasera alle 21, ma ti ho chiamato qualche volta ma mi dava la segreteria, allora ho pensato di scriverti.

Sto iniziando a leggere il tuo blog in lungo e in largo, prima leggevo solo gli ultimi articoli, e ho diversi chiarimenti  da chiederti.

Sto scalando le medicine, ora prendo da 23 gg Seroquel per 125 mg e Serenase blu 4 gocce, ho calato tanto negli ultimi mesi accoppiando una dieta vegana, sto molto bene, in questi ultimi mesi ancora non ho sofferto le pene dell'inferno, solo 2-3 gg ma 2 mesi fa perché scalavo 2 medicine alla volta. Dato che sto bene e nell'ultimo calo non ho minimamente sofferto, io quasi quasi proverei già a scalare ulteriormente  un 10% del Seroquel, anche se son passati solo 23 gg e non 1 mese come dicono i protocolli, tu che mi consigli? Scusami, sto tornando alla vita e non vedo l'ora che sia così!

Ora che faccio meno medicine e faccio una dieta vegana, sto iniziando ad avere nuovamente emozioni, ma è un bel cambiamento! E' come una cosa nuova. Adesso che sento di nuovo emozioni e prima non sentivo nulla, mi commuovo molto più facilmente, provo compassione, mi arrabbio anche! Scherzo molto più facilmente e sto tornando ad avere amici.

Ti volevo chiedere una cosa, dato che ho sentito varie volte di TSO punitivi per chi voleva smettere le medicine, e i miei genitori sanno cosa sto facendo, e hanno molta paura anche se li rassicuro che sto molto bene, ma loro pendono dalle labbra dello psichiatra e mi dicono sempre di non smetterle, ho paura che informeranno lo psichiatra, e non vorrei subire un TSO ingiusto, io le voglio smettere le medicine, come posso difendermi? Legalmente cosa posso fare? So che tu hai anche un apparato legale che segue queste cose, cosa devo fare, chiamare te? 

Pratico un po' di sport a livello blando, ma finito con le medicine vorrei applicarmi molto seriamente, facevo competizioni e vorrei tornare a farlo, ho letto che sei contro agli integratori, è così anche a livello sportivo spinto? Tu che mi consigli?

Ho letto che hai un cane, anch'io! Mi sta dando tanto! Mi sta aiutando tanto, assieme a te e a mia moglie.
Ho letto che sei contrario ai vaccini e alle crocchette, e io la penso come te. Vorrei non fargli più il vaccino ogni anno, ma legalmente rischio qualcosa? Non è che poi mi denunciano per maltrattamento? Nel vaccino ci sono tante sostanze chimiche dannose, ma poi se si infetta con una puntura di zanzara, quando vado dal veterinario mi può denunciare? E il cibo tu che cibo gli dai? Io gli do le scatolette con pezzetti di carne, ma chissà cos'altro c'è dentro..
Sto leggendo un libro di Marco Pizzuti "Scoperte mediche non autorizzate" ed è molto interessante. Dice tante cose che nessuno dice dei vaccini, tumori, AIDS, Bigfarma...

Ti chiedo se posso, leggendo tutto il tuo sito, se mi vengono altre domande su chiarimenti, se posso chiederti in via privata, con mail, e dirti come sta andando la mia dismissione dai farmaci.


RISPOSTA

Buongiorno Anonimo,

e grazie di aver scritto a questo piccolo uomo.

Come dico sempre, non sono un medico, non faccio diagnosi, non curo nessuno né prescrivo alcunché, e ben me ne guardo dal farlo, essendo io stesso un autentico sostenitore della capacità autoguaritiva del corpo umano, allorquando gliene venga data la possibilità.

Veniamo a noi.

Sono felice di risentirti e di leggere dei tuoi grandi progressi: avanti così!

Ai sensi dell'art. 32 della nostra Costituzione, in assenza di un provvedimento coercitivo, sei libero di fare quello che ti pare, anche di continuare nello scalaggio dei farmaci se senti che è il momento giusto.

Quello che farei io è di seguire alcune linee guida che ritengo corrette, e cioè scalaggio del 10% al mese, anche se ti senti già meglio.

Non avere fretta: migliora sempre di più l'alimentazione assieme a uno scalaggio graduale e i risultati arriveranno eccome.

L'importante è capire che se e quando arriveranno le crisi da dismissione, queste andranno affrontate con la consapevolezza che sono un segnale positivo e che presto o tardi passeranno, lasciandoti più "guarito" di prima.

Cosa penso del cibo industriale dato ai nostri animali? Il peggio del peggio.

Cibo cotto a 200 gradi, fatto di scarti industriali che sarebbero invendibili, pieno di grassi per renderlo falsamente saporito,

Cibo, poi, composto in gran parte da cereali; alimento, questo, completamente incompatibile con l'apparato digerente di un cane, che in natura mangerebbe solamente carne e qualche bacca.

Basta prendere una qualunque confezione di crocchette o di "umido" e leggere gli ingredienti, che sono sempre e comunque indicati in ordine di quantità.

Al primo posto si trovano, come detto, quasi sempre i cereali (soprattutto il super economico mais), e anche se i prodotti più costosi sono di fatto composti di carne, sono e rimangono cibo morto e stracotto.

Vuoi sapere cosa mangiano i miei cani?

Ho quattro stupendi cani: Gorica (una meticcia taglia media di 8 anni), Ralph (un bassethound di 7 anni), Hero (un labrador nero di 6 anni) e Ronnie Junior (un meticcio pastore di 4 anni).

Tutti mangiano carne cruda, interiora comprese, che sono importantissime per l'alimentazione di un carnivoro.

Piantiamola di voler snaturare i nostri animali in nome di un Credo che nulla ha a che vedere con loro: IO sono vegano perché questa è a mio parere la natura umana.

Un CANE in natura non mangerebbe tofu e broccoli, e quindi è giusto che venga alimentato secondo il suo disegno antropometrico.

Non è mai troppo tardi per cambiare alimentazione ai nostri cani, e i risultati saranno sorprendenti.

Denti puliti, alito profumato, pelo stupendo, e soprattutto non riconoscerete le loro feci: piccole, compatte, che potete raccogliere con lo scopettino, a differenza di quelle prodotte da un'alimentazione a base di cereali, che praticamente ci regala dei "panettoni" che altro non sono che il cibo transitato per l'intestino e non assorbito in quanto incompatibile.

I cani, al giorno d'oggi, vivono mediamente 6-8 anni, per poi dover essere eutanasizzati in conseguenza di malattie degenerative, tumori in primis.

Piantiamola, lo ripeto, di volerli snaturare a tutti i costi trasformandoli in vegani o in granivori.

E piantiamola di riempirli di chimica deleteria dalla mattina alla sera: vaccini annuali, trattamento per la prevenzione della filaria, antiparassitari chimici: non sono obbligatori, nessuno ti "verrà a cercare" se non li fai e non rischi nulla. Solo se dovessi portarli all'estero ci sono dei vaccini obbligatori, come quello antirabbico, in assoluto il più deleterio e devastante per qualunque cane.

Vi siete mai chiesti la motivazione per cui l'antiparassitario che utilizzate per il vostro cane (da adoperare con i guanti) lo "protegge" per un mese o più?

Semplicemente perché il vostro cane è diventato un "sacco di veleno", a cui nemmeno le zecche si avvicinano.

E la domanda sorge spontanea... Avete paura della puntura di una zecca, ma non di versare sul corpo del vostro cane quello che è e rimane un veleno, utilizzato persino in agricoltura come insetticida?

Apriamo gli occhi! In natura nessun animale si vaccina e una moderata infestazione parassitaria è la normalità, senza che questa causi alcun tipo di problema.

Impariamo a trattare ogni specie vivente avendo rispetto della sua vera natura... a cominciare da NOI stessi.

Avanti così

Pietro Bisanti

Per tutti: questo epocale lavoro informativo non chiede niente a nessuno. Viviamo di donazioni spontanee. Chiunque voglia aiutarci, può farlo attraverso le indicazioni che trovate in alto a destra. 

Per i nuovi lettori: scandagliate tutto il blog, in quanto è una miniera di informazioni disponibili gratuitamente per tutti.

Per tutti: chiunque abbia subito un danno personale o di un suo congiunto/amici, può mandare la propria storia a pbisant@hotmail.com

Per tutti: per ricevere la newsletter del blog, iscrivetevi utilizzando la relativa funzione nella colonna a destra.

Per tutti: con la funzione "ricerca google" in alto a destra, potete inserire delle parole da ricercare (ad esempio "psicofarmaci e suicidio", "prozac" etc...) in modo tale che vengano ricercati gli articoli relativi all'argomento desiderato.


Per tutti: mi trovate su "FACEBOOK" con il mio nome Pietro Bisanti


ATTENZIONE! RISPONDO A TUTTI. PURTROPPO STO RICEVENDO PIU' EMAIL DI QUANTE NON NE RIESCA AD EVADERE. CHIUNQUE ABBIA URGENZA E' PREGATO DI SEGNALARLO


ATTENZIONE! È NATO IL FORUM DEL BLOG "ALIMENTAZIONE E SALUTE". LO TROVATE IN ALTO A DESTRA. ISCRIVETEVI IN MODO TALE DA CREARE FINALMENTE UN LUOGO OVE IL DIBATTITO ANTIPSICHIATRICO NON SIA CENSURATO.


Siamo ora in grado di offrire un servizio di tutela legale, per chiunque si trovi tra le maglie della psichiatria o abbia subito da essa un danno.

Il concetto è molto semplice: chi può pagare poco, paga poco; chi non può pagare nulla, non pagherà nulla e noi interverremo comunque, per il semplice concetto che un essere umano in difficoltà deve sempre essere aiutato; chi può pagare tanto, pagherà il giusto e sarà a sua discrezione donare qualcosa a questa causa.

In questo modo, in base alle proprie possibilità, questo innovativo servizio potrà rimanere in piedi, senza sprofondare dopo due giorni.

SIAMO INOLTRE IN GRADO DI FORNIRE UN SERVIZIO DI ASSISTENZA PSICOLOGICA NON ATTRAVERSO IL SOLITO "PSICOLOGO DA LETTINO", BENSI' CON L'AUSILIO DI PROFESSIONISTI CHE AIUTINO VERAMENTE, SENZA "INCOLLARE" IL PAZIENTE A VITA.

Noi ci siamo. Per tutti, nel limite delle nostre possibilità.