ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!

ACQUISTA IL LIBRO. SCRIVI A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM O COMPILA MODULO DI CONTATTO. SOSTIENICI!
LA PSICHIATRIA MODERNA VISTA CON GLI OCCHI DI UN CARABINIERE: PSICHIATRI E PSICOFARMACI FINALMENTE MESSI A NUDO PER QUELLO CHE SONO. L'UNICO LIBRO IN ITALIA CHE VI DICE CHIARAMENTE COSA SIANO VERAMENTE LA PSICHIATRIA E GLI PSICOFARMACI. COME LIBERARSI DA QUESTE DROGHE LEGALIZZATE E RICOMINCIARE A VIVERE, ANCHE ATTRAVERSO UN RINNOVATO REGIME ALIMENTARE. PSICOFARMACI ALLA GUIDA, PSICOFARMACI AI BAMBINI, PSICOFARMACI AGLI ANZIANI...C'E' TANTO, TANTO DA LEGGERE. UNA VERA BIBBIA DEL SETTORE. ASSOLUTAMENTE DA NON PERDERE. IL LIBRO CHE STA AIUTANDO MIGLIAIA DI PERSONE AD USCIRE DALLA DIPENDENZA DEGLI PSICOFARMACI. PER ORDINARE: COSTO EBOOK 16 EURO, COSTO CARTACEO 30 EURO (COMPRESA SPEDIZIONE). Dati beneficiari a mezzo BONIFICO BANCARIO Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Conto di accredito: IT95X0760105138200717600721 Banca e filiale: ENTE POSTE ITALIANE, VIALE EUROPA, 175 - 00144 - ROMA. Dati beneficiari a mezzo RICARICA POSTEPAY Beneficiario: Pietro Eupremio Maria Bisanti Codice fiscale: BSNPRP75S24F205O Numero carta postepay: 5333-1710-0229-5513. NELLA CAUSALE INSERIRE LA PROPRIA EMAIL NEL CASO DI ORDINE DI EBOOK O L'INDIRIZZO COMPLETO NEL CASO DI ORDINAZIONE DI LIBRO CARTACEO. NEL SOLO CASO DI PAGAMENTO A MEZZO POSTEPAY, SCRIVERE LE SUDDETTE INFORMAZIONI A: PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. PER QUALUNQUE, ULTERIORE INFORMAZIONE SCRIVICI SEMPRE A PIETROBISANTIBLOG@GMAIL.COM. SOSTIENICI INOLTRE, SE PUOI, CON UNA DONAZIONE!

NO ALLA PSICHIATRIA

Battiamoci per un mondo senza psicofarmaci, dove i disagi di natura psichiatrica vengono investigati attraverso l'analisi delle cause organiche/psicologiche del singolo individuo, e non attraverso la somministrazione anche coatta di vere e proprie droghe legalizzate.
Invia la tua storia a pbisant@hotmail.com.
La consapevolezza è l'unica arma vincente.
Si precisa che è ammessa la divulgazione di tutti i contenuti di questo blog con perentoria citazione della fonte

Informazioni personali

La mia foto
Milano, Italy
Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri, docente ufficiale della prima scuola privata igienista italiana "Health Science University", attivista per i diritti umani, vegano-crudista e strenuo difensore dei diritti degli animali, da 14 anni si occupa in chiave igienista della correlazione fra alimentazione e malattia, con particolare attenzione alla salute mentale nonché all'utilizzo delle molecole più demoniache e distruttive mai inventate dall'uomo: gli psicofarmaci. L'intento di questo blog non è fornire indicazioni di natura medica, bensì quelle informazioni che possano essere utilizzate per effettuare delle scelte personali e consapevoli, soprattutto in ambito psichiatrico. NOTA BENE: QUESTO SITO RIFLETTE IL PENSIERO ESCLUSIVO DEL SUO AUTORE E NON HA ALCUN COLLEGAMENTO ED/O ESPRIME CONSIDERAZIONI IN NOME E PER CONTO DELL'ARMA DEI CARABINIERI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI

TUTTI I VIDEO DI PIETRO BISANTI
CLICCA PER COLLEGARTI AL CANALE YOUTUBE DI PIETRO BISANTI, OVE TROVERAI TUTTE LE SUE LEZIONI E LE SUE INTERVISTE

PROFILO FACEBOOK

PROFILO FACEBOOK
RIMANI IN CONTATTO SU FACEBOOK CON PIETRO BISANTI

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO

UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO
UNIVERSITA' DELLA SALUTE DI VALDO VACCARO. PIETRO BISANTI DOCENTE UFFICIALE. CLICCATE PER MAGGIORI INFORMAZIONI

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO

SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO
HAI UNA URGENZA ECONOMICA E NON SAI COME FARE? SCOPRI IL MERAVIGLIOSO SERVIZIO DI MUTUO AIUTO "SALVADANAIO DI PRONTO SOCCORSO" E VERIFICA COSA L'AMORE E LA RECIPROCA ASSISTENZA POSSONO FARE

mercoledì 3 maggio 2017

MASSACRATA CON DIECI COLPI DI BILANCERE NEL SONNO: SOLO IO SENTO L'ODORE DI MORTE DEGLI ANTIDEPRESSIVI?

DA UN ARTICOLO DEL MESSAGGERO.IT

Roma, uccide la compagna, Francesco dalle serate con i vip alla depressione: «La malattia l'aveva trasformato»

Roma, omicidio in appartamento Vicolo del Babuino (foto Paolo Caprioli/Ag.Toiati) 
di Veronica Cursi
Ha ucciso la compagna fracassandole la testa, forse una decina i colpi sferrati con un bilancere da palestra, di quelli per l'allenamento. E un unico dubbio: capire se Michela di Pompeo è stata uccisa nel sonno. Perché anche il movente è stato chiarito: «Voleva lasciarmi», avrebbe detto il compagno, Francesco Carrieri, in cella.

Un omicidio efferato che ha sconvolto Roma. Perché Francesco Carrieri è sempre stato un uomo brillante e divertente. Uno a cui la vita sorrideva. A 40 anni era già dirigente della Popolare di Novara, un collega molto amato sul lavoro. Chi lo conosce da anni, chi ha lavorato con lui, non può credere che sia lo stesso uomo che domenica notte ha ucciso la sua compagna nel letto andando poi a confessare l'atroce delitto.

Il mondo delle banche, dove Carrieri, oggi 57enne dirigente del Banco Popolare era conosciuto e apprezzato, è sotto choc. I colleghi lo ricordano come un gran lavoratore, uno che aveva fatto strada: da quando viveva a Fasano con la sua prima moglie e i bimbi piccoli e faceva il pendolare a quando si era trasferito nella capitale.
Amava uscire e frequentare lo star system romano. Molti ricordano le foto che pubblicava sul suo profilo Facebook: le serate in discoteca, le cene con vip e attori. «Era un tipo divertente, sapeva farsi amare dalla gente». Ma meno di un anno fa qualcosa era cambiato.

«Francesco soffriva di una forte depressione», raccontano i colleghi. Si era cancellato dai social network, aveva smesso di pubblicare quelle immagine sorridenti e spensierate. Anche sul lavoro se ne erano accorti. Quel male l'aveva trasformato. Aveva cambiato lui. Di certo ha spezzato per sempre la vita della sua compagna. Forse proprio quel male l'ha reso insicuro, geloso e folle a tal punto da trasformarlo in un assassino. Forse Michela, con cui stava da poco più di un anno, se ne era accorta. Certo è che per tutti la notizia del brutale omicidio è stato un fulmine a ciel sereno. 

Intanto è atteso per oggi il conferimento dell'incarico per l'autopsia di Michela Di Pompeo. L'esame autoptico, che verrà effettuato nei prossimi giorni, stabilirà con certezza gli unici dubbi da chiarire: con quanti colpi la donna è stata uccisa e se sia stata ammazzata nel sonno, come ipotizzato finora. 



COMMENTO

La F.D.A. americana (l'ente che ha il compito di vigilare anche sulla sicurezza dei farmaci) molti anni or sono ha obbligato le aziende farmaceutiche ad inserire nei bugiardini dei propri antidepressivi quale possibile effetto "collaterale" la possibilità, specie ad inizio trattamento, di "ideazioni suicidiarie".

Tra i principali effetti "collaterali" di tali categorie di farmaci, vi è anche quello di "aumentare emozioni negative quali la rabbia".

Eppure, davanti a una mattanza di omicidi e/o suicidi INSENSATI, ecco che invece si fa di tutto per scaricare la colpa sempre e comunque sull'autore materiale del gesto, senza chiedersi minimamente se la sua mano possa essere stata mossa da altro.

Nell'articolo si cita "Forse proprio quel male l'ha reso insicuro, geloso e folle a tal punto da trasformalo in un assassino".

Io invece rimango del parere che tali demoniache molecole trasformino le persone a tal punto da far loro commettere atti che "da lucide" mai avrebbero commesso.

Nessuno si sognerebbe di NON dare la colpa alla cocaina, se questo omicidio fosse stato commesso sotto l'influenza di tale sostanza illegale.

Ma proprio perché vi è la possibilità che tutto sia conseguenza di una sostanza LEGALE, ecco che lo Stato ha il dovere di approfondire questa e tutte le situazioni similari.

Io non conosco la storia personale di quest'uomo, ma mi si spezza il cuore al solo pensare che la sua depressione potrebbe essere partita semplicemente da uno stile di vita (soprattutto alimentare) errato.

Ci sarebbero ancora una donna al camposanto e un uomo in galera e/o imbottito di psicofarmaci a vita (perché queste sono le uniche strade possibili) se chi lo ho avuto "in cura" si fosse interessato delle motivazioni fisiche/organiche/psicologiche/spirituali alla base del malessere invece di prescrivere una potentissima sostanza psicotropa?

Prendere un peso da palestra e scagliarlo dieci volte su una donna inerme nel sonno è un delitto che viene fatto solo in stato di totale alterazione di coscienza.

Alterazione da psicofarmaci.

Pietro Bisanti




3 commenti:

  1. Solo una profonda distorsione culturale può generare persone disposte a credere che i complessi e delicati equilibri dell' animo umano possano essere rimessi in ordine dall'esterno con delle droghe chimiche. Tutto questo è anche simbolo manifesto di stupidità umana.La gente comune è anche resa irresponsabile dal lavaggio del cervello operato intenzionalmente e basato sui miti della "scienza che ci salverà". Ma chi opera nel settore della psichiatria non può,prima o poi,non rendersi conto di tutto questo.Eppure preferisce essere negazionista e come ho sentito recentemente alla radio, la tesi che si diffonde è quella per cui gli psicofarmaci si possono sospendere in qualsiasi momento e non darebbero alcuna dipendenza.
    E allora di questo passo difficilmente le cose sono destinate a cambiare.L'unica via di salvezza,in questa situazione, non può essere che quella di acquisire indipendenza e autonomia di giudizio, staccandosi il più possibile dalle pressioni manipolatrici esercitate costantemente dall' ambiente che ci circonda.Nell' autonomia ci può essere la vera libertà.

    RispondiElimina
  2. Vorrei aggiungere quanto segue. Alcuni potrebbero dire - e in effetti mi è già capitato di sentirlo- che andrebbero risolti i veri problemi che sono alla base delle reazioni o manifestazioni psicologiche avverse. Dunque,di conseguenza, psicoterapia e non farmaci.Qui a mio avviso bisogna andarci piano, adottando la massima cautela. Anzi direi più esplicitamente che nelle pratiche psicoterapiche convenzionali si rischia di ritrovare gran parte dei pericoli che si è riusciti ad evitare driblando i trattamenti farmacologici. È a mio avviso un vero campo minato nel quale non è facile muoversi;specie laddove si pretenda di risolvere i sintomi scavando nel proprio passato personale o quando si inneschino meccanismi inconsci di proiezione su altre persone.Questione delicata e complessa,ben lontana dall' essere scevra di pericoli per l' individuo che intenda affidarvisi,contando sull' interpretazione che romanticamente viene diffusa,in proposito,dagli addetti ai lavori. Se psicologia deve essere,che sia almeno cognitivo- comportamentale e non basata sulla rievocazione mnemonica che può procurare danni anche molto seri; come peraltro mostrano molte esperienze di persone che sono precipitate dentro crisi personali gravi e peggiori rispetto a quelle dalle quali erano partite. Ripeto, discorso complesso; ma ci vuole molta prudenza anche se la persona comune fatica a rendersene conto,specie poi se soffre di sintomi debilitanti. E ovviamente il mondo è pieno di pericolosi profittatori.

    RispondiElimina
  3. Per completare. Certamente in caso di sofferenza psicologica ci sono "problemi dietro le quinte" e antefatti causali collocabili nelle esperienze passate. Tutto parte a mio avviso dal mangiare in modo inadeguato. Ma non può essere tutto qui. Tanti mangiano da schifo eppure godono di relativa buona salute mentale.Altri che a tavola sono più giudiziosi finiscono per cadere nella sofferenza psichica.Tutto dipende da come siamo attrezzati dentro e poi il resto lo fanno le vicissitudini e l'alimentazione. E' lo stesso motivo per cui a parità di alimentazione onnivora uno ha l'infarto, l'altro se la cava fino a tarda età. Oppue si ammala di una patologia del tutto diversa. Ebbene assumendo cibo inadatto all'alimentazione umana qualcuno finisce per contrarre malattie e sofferenze mentali o psicologiche.Questo perché ognuno ha i suoi punti deboli e per alcuni questi punti sono principalmente su quel versante.
    Allora, dicevo, non è che siano del tutto negabili gli antefatti psicologici quando si è di fronte ai relativi problemi.Piuttosto, a mio avviso, sono completamente velleitari i tentativi di risolverli con i metodi della cosidetta psicanalisi e tecniche simili. Che come ripeto comportano rischi piuttosto grandi per chi vi si sottopone; sia perché la relativa soluzione dei problemi si allontana continuamente, sia perché spesso se ne aggiungono altri del tutto imprevisti che rischiano di trascinare la persona in una spirale negativa dalla quale è sempre più difficile uscire.Tante storie, finite anche tragicamente, sono li a raccontarlo.

    RispondiElimina

I commenti, positivi o negativi che siano, sono assolutamente apprezzati in questo blog.